• CVA LAGO2compressa
  • foto 1

    Il vento e le onde

    sono a favore dei navigatori più abili

  • foto2

    I GIOVANI

    L' investimento nel futuro

  • LA VELA

    Una grande passione

Negri Nautica

18FT SKIFF EUROPEAN CHAMPIONSHIP OPEN - CIRCOLO VELA ARCO

18FT SKIFF EUROPEAN CHAMPIONSHIP OPEN - CIRCOLO VELA ARCO

Dall’Australia al Garda Trentino: con i 18 piedi australiani una settimana adrenalinica al Circolo Vela Arco
Podio Open tutto australiano; gli ungheresi di Belight, primi europei. Lorenzo Bianchini (coach CVArco squadra 29er) secondo europeo con il tedesco Bayern
Testata nuova versione di boa robotica elettrica, con l’obbiettivo di realizzare un progetto con la Provincia di Trento per dotare tutti i circoli del Garda Trentino di questa innovativa soluzione tecnica.
 
 
Lido di Arco (TN) - Ogni anno arrivano al Circolo Vela Arco addirittura con due container di barche dall’Australia, paese natìo delle imbarcazioni skiff 18 piedi australiani che nella baia di Sydney hanno il proprio habitat naturale, e trascorrono sul Garda Trentino una settimana di  regate, vacanza, divertimento, in un territorio che evidentemente ha condizioni simili a quelle della baia di Sydney con vento medio-forte e onda corta. Stiamo parlando degli equipaggi che la settimana scorsa - dall’1 a domenica 7 luglio - hanno partecipato al Campionato Europeo Open 18 piedi organizzato dal Circolo Vela Arco e che, insieme ad altre imbarcazioni provenienti da Ungheria, Gran Bretagna, Danimarca, Germania, hanno dato una volta di più spettacolo con queste imbarcazioni “terrazzate”, che già con vento medio sembrano proiettili a vela, che schizzano sull’acqua. Al Circolo Vela Arco dunque si è passati dalle regate degli Open Skiff singoli giovanili FIV disputate 15 giorni fa con ragazzini dai 12 ai 17 anni, ai 18 piedi australiani, veri capostipiti delle imbarcazioni acrobatiche “skiff”, diventate olimpiche con la classe 49er scelta come doppio a 5 cerchi dal 2000. E non poteva che essere tutto australiano il podio assoluto dopo le 12 regate disputate, con l’equipaggio ungherese timonato da Miklos Ujhelyi, che è riuscito ad infilarsi tra gli espertissimi “down-under” finendo quarto assoluto e primo della classifica europea e per la terza volta vincitore del titolo continentale. Le prime tre posizioni sono state abbastanza combattute con vincitrice l’imbarcazione Asko con James Dorron al timone, seguita a 4 punti dall’altro australiano Sean languan su Noakes; terzo ad ulteriori 4 punti Jordan Girdis su "The Kitchen maker-Ceaserstone”. Per quanto riguarda gli equipaggi europei secondo posto (sesto assoluto) del tedesco Bayern, con a bordol’allenatore della squadra 29er del Circolo Vela Arco Lorenzo Bianchini. Terzo del britannico Steve Mclean.
L’appuntamento con questo Europeo skiff 18 piedi Open molto australiano (quasi la metà degli equipaggi al via) è sempre molto atteso perchè le imbarcazioni sono tecnologicamente avanzate e a dir poco ad alto tasso adrenalinico: e proprio in un evento caratterizzato da innovazione e tecnologia, nelle partenze si è proseguito a sperimentare una versione aggiornata di boa robotica elettrica, comandata nella posizione GPS direttamente dal Comitato di regata (in questa occasione Alessandra Pompili, Antonio Micillo, Paolo Ceschini, Eros Angeli), che ha iniziato a prendere confidenza con la App che gestisce il punto preciso in cui la boa deve stare o deve essere spostata. Un sistema che, considerata la profondità del lago che in alcuni punti è anche 2-300 metri- risolverebbe diversi problemi e di varia natura, oltre a garantire una linea di partenza sempre perfetta e un percorso di regata sempre rispondente alla direzione esatta del vento. L’intento è quello di dotare tutti i circoli del Garda Trentino di queste tecnologiche boe per offrire massima innovazione alle regate internazionali organizzate nel paradiso della vela e del windsurf quale è l’Alto Garda, con un occhio di riguardo all'ambiente: in concerto con tutti i circoli del territorio con Fraglia Vela RivaLega Navale Italiana - Sezione Di Riva Del GardaCircolo Surf TorboleCircolo Vela Torbole e naturalmente Circolo Vela Arco e con il fondamentale intervento della Provincia autonoma di Trento - la realizzazione di questo ambizioso progetto, farebbe del Garda Trentino la località velica con il maggior numero di regate al mondo gestite con boe robotiche, usate almeno inizialmente nei punti più strategici del percorso.
------------------
foto allegate di Emilio Santinelli
dida: primo piano della boa robotica elettrica comandata da App
****ESCLUSIVAMENTE PER TESTATE TV****IMMAGINI VIDEO PRE-MONTATOhttps://we.tl/t-U4B25fumcq
 
 
4^ regata nazionale Open Skiff, Circolo Vela Arco-28-30 giugno 2019

4^ regata nazionale Open Skiff, Circolo Vela Arco-28-30 giugno 2019

Strepitosa rimonta dell’arcense Filippo Michelotti negli under 17 che conquista l’argento alle spalle di un bravissimo Nonnis
Tra gli under 13 la spunta Federico Quaranta su Lorenzo Manzotti, mentre anche l’altro atleta del Circolo Vela Arco Riccardo Michelotti  imita il fratello e conquista il podio dopo un'altrettanto bella rimonta 
Sara Murru (U17) e Letizia Canavizzi (U13)  prime nella categoria femminile
 
 
Tre stupende giornate di vento e sole hanno caratterizzato un’edizione davvero impegnative per la quarta regata nazionale Open Skiff organizzata al Circolo Vela Arco con quasi cento timonieri suddivisi nelle due categorie under 13 e under 17. Il vento è stato anche troppo forte per i meno esperti: vele rotte, diverse scuffie, secchiate d’acqua tra le ripide onde sotto la montagna della Ponale; ma per tutti sicuramente una bella e importante esperienza, in acqua così come a terra tra gli amici provenienti da tutta Italia, dalla Sardegna, alla Liguria, dalle Puglia all’Emilia Romagna e via così. 
Nella categoria under 17 meritata vittoria del sardo (LNI Villasimius) Leonardo Nonnis dopo le 10 prove disputate, in testa fin dal primo giorno con un’infilata di primi e secondi, tolti il quarto e il sesto scartati quali prove peggiori così come prevede il regolamento. Protagonista di una insperata, quanto grande rimonta il portacolori del Circolo Vela Arco Filippo Michelotti, che dopo non essere partito nelle prime due regate per rottura dell’attrezzatura non si è fatto scoraggiare, iniziando una vera e propria galoppata verso il secondo gradino del podio, conquistato alla fine del terzo giorno. Grande prova di carattere dunque di Michelotti, che addirittura nell’ultima giornata ha piazzato dopo un quinto, due primi e un secondo, dimostrando che a casa sua, davanti al suo allenatore Pietro Bortolussi e a tutti gli amici del Circolo Vela Arco, il passo e soprattutto la grinta, ce l’ha! Ottima terza assoluta e prima femmina Sara Murru della Lega Navale del Sulcis, sempre rimasta in zona podio assoluto, così come la portacolori del Circolo Vela Arco Beatrice Conti, settima assoluta, che ha sempre mantenuto la seconda posizione della categoria femminile; terza Beatrice Orsetti (LNI S. Benedetto del Tronto). Nella categoria dei più piccoli under 13 per tutta la manifestazione è stata un’alternanza al vertice tra Lorenzo Manzotti (LNI Ancona) e Federico Quaranta (LNI Taranto), che dopo un’ultima giornata praticamente perfetta ha avuto la meglio sull’anconetano, forte dei suoi tre primi e il secondo realizzati domenica. E ancora Michelotti, ma questa volta il fratellino Riccardo-sempre del Circolo Vela Arco-, con le ultime regate di domenica è riuscito a conquistare  il terzo gradino del podio under 13, dopo una rimonta di quattro posizioni, rispetto al primo giorno di gare. L’1-2-2-3 dell’ultima giornata gli hanno così permesso di vedere al collo la medaglia di bronzo e permettere al Circolo vela Arco di conquistare una bella tripletta con i due fratelli Michelotti e Beatrice Conti. La categoria femminile under 13 è stata vinta dalla toscana Canavizzi (CNArgentario), prima fin dal primo giorno; seconda Sofia Cerri (LNI S. Benedetto del Tronto), terza Chiara Sussarello (LNI Sulcis).
LA NOVITA’ DELLA VELA SCUOLA PER OPEN SKIFF PROGETTATA E PROPOSTA DAL CIRCOLO VEL ARCO: L’INTERVISTA AL COACH BORTOLUSSI E AL PROGETTISTA DELL’O’PEN BIC VITALI
Con l’occasione della 4^ Regata nazionale della classe giovanile FIV Open skiff, il Circolo Vela Arco ha presentato ufficialmente la vela scuola creata per la scuola vela dall’istruttore Pietro Bortolussi, in collaborazione con il progettista della barca Daniele Vitali. L’intento di questo nuovo progetto è quello di riuscire ad insegnare vela sull’Open Skiff, anche in condizioni di vento forte, così come ci sono abitualmente sul Garda Trentino. Uno sviluppo per facilitare l’approccio all’Open Skiff a bambini più piccoli, dando la possibilità di conoscere da subito una barca divertente e acrobatica. Il progetto si è sviluppato realizzando la vela con una superficie velica minore, con un abbassamento del centro di spinta per evitare tanto sbandamento  e poter avere un più facile controllo.
Video con spiegazione della vela scuola per Open Skiff: https://youtu.be/hAN8fls2cIM
VIDEO FINAL DAY: https://youtu.be/e1NsvV9CYmg
Quaranta e Nonnis in testa alla regata nazionale Open Skiff al Circolo Vela Arco

Quaranta e Nonnis in testa alla regata nazionale Open Skiff al Circolo Vela Arco

Altra impegnativa giornata di vento e onda corta per il centinaio di giovani velisti che concluderanno domenica la regata nazionale Open Skiff

 
 
Ancora vento medio-forte alla 4^ regata nazionale Open Skiff, in programma fino a domenica sul Garda Trentino: sul campo di regata posizionato sotto “la Ponale”, sponda ovest del lago, il Comitato di Regata FIV -coaudiuvato dallo staff in acqua del Circolo Vela Arco- ha dovuto penare non poco per l’onda ripida, che più di una volta ha strappato gli ormeggi ala barca Comitato in partenza. Ed è stata ancora una giornata assai spettacolare con questi ragazzini dai 12 ai 17 anni che navigano tra le onde e il vento, creando giochi d’acqua sulla prua della barca di grande effetto. 
 
Altre due regate per i più piccoli under 13 e tre per gli under 17 e per entrambe le categorie è subentrato nella classifica generale lo scarto della prova peggiore. Tra i più piccoli scambio delle prime due posizioni con Federico Quaranta (LNI Taranto) passato in testa ai danni di Lorenzo Manzotti (LNI Ancona); ma tra i due i giochi sono completamenti aperti dato che entrambi hanno 6 punti; Il pugliese dopo un quarto ha vinto la seconda e ultima prova di giornata, mentre l’avversaio dopo il primo e secondo di venerdì ha piazzato un terzo e un quarto.  A soli due punti Achille Casalino (LNI Taranto). Tutto quindi da giocare con l’ultima giornata di regate per la categoria dei più piccolini, che armati di caschetto hanno affrontato le onde e le raffiche di vento che alcuni momenti sono state anche forti. Prima delle femmine e ottava in generale Letizia Eribea Canavizzi (CNVArgentario). Allunga invece  e prende un vantaggio di 7 punti nella categoria under 17 il sardo di Villasiumius Leonardo Nonnis, oggi protagonista di un primo e due secondi. Ancora dalla Sardegna il suo inseguitore, che è una ragazza: Sara Murru (LNI SUlcis) oggi decisa a far bene con un 2-1-4 , che le hanno permesso di migliorare una posizione nella classifica generale. Ben 15 punti dietro Lorenzo Mancino (CN Monte Procida). E’ invece stato “stroncato” da ben due squalifiche per partenza anticipata il genovese Federico Bergamasco (Unione Sportiva Quarto), che nelle prime 4 prove aveva piazzato ottimi parziali con due secondi e due terzi. Seconda femmina e sesta in generale la portacolori del Circolo Vela Arco Beatrice Conti. 
Photo gallery aggiornata: https://flic.kr/s/aHsmEA47za
Regata Nazionale Open Circuito Italiano O’pen Bic 2019- Coppa ASCOB

Regata Nazionale Open Circuito Italiano O’pen Bic 2019- Coppa ASCOB

SECONDA GIORNATA DI REGATA CLASSIFICA PROVVISORIA U17

Regata Nazionale Open Circuito Italiano O’pen Bic 2019- Coppa ASCOB

Regata Nazionale Open Circuito Italiano O’pen Bic 2019- Coppa ASCOB

RISULTATI PROVVISORI U13 SECONDA GIORNATA DI REGATA!

OPEN SKIFF: AL CIRCOLO VELA ARCO LA QUARTA REGATA NAZIONALE / INTERZONALE NORD

OPEN SKIFF: AL CIRCOLO VELA ARCO LA QUARTA REGATA NAZIONALE / INTERZONALE NORD

Da venerdì 28 a domenica 30 giugno quasi 100 Open skiff di scena sul Garda Trentino
Parola d’ordine: divertimento. Questo il motto con cui è stato inventato l’O’pen Bic, ora Open skiff dopo la vendita del reparto nautico dell’azienda francese Bic. Se è cambiato il nome, non cambia certamente lo spirito di andare in barca per questi scatenati giovanissimi velisti dai 12 ai 17 anni che con l’Open skiff navigano un po’ come se fosse una tavola a vela, un po’ come una deriva.
Spirito libero, spirito di gruppo, dal carattere sportivo a metà tra il velista e il windsurfista: queste le caratteristiche di chi ha scelto di iniziare il proprio percorso di regata con il singolo monotipo Open Skiff, barca giovanile FIV ammessa al Campionato Italiano singoli organizzato quest’anno dalla Federazione Italiana Vela a Reggio Calabria. Ad Arco sono 90 i pre-iscritti alla quarta regata nazionale organizzata dal Circolo Vela Arco in collaborazione con la classe italiana Open Bic e la FIV Federazione Italiana Vela; la manifestazione è valida anche come tappa del Circuito Interzonale nord: un bel numero di partecipanti, che permetterà una tre giorni dagli alti valori sportivi e agonistici, lasciando anche spazio alla spettacolarità, che certamente non mancherà. La flotta sarà divisa nelle due categorie under 13 e under 17, rispettivamente con vela di 3,8 mq contro quella di 4,5 mq per i più grandi. Lazio, Toscana, Lombardia, Liguria, Sicilia, Emilia Romagna, Sardegna, Marche, Puglia le regioni rappresentate insieme al Trentino che con il Circolo Vela Arco schiererà il consolidato Team Open skiff allenato da Pietro Bortolussi: saranno pronti sulla linea di partenza Filippo e Riccardo Michelotti, Beatrice Conti, Davide Gaiotto, Jacopo Ricci, Giovanni Morandini e Marco Milosavljevic.
FIV fa base al Circolo Vela Arco

FIV fa base al Circolo Vela Arco

La FIV Federazione Italiana Vela in queste settimane fa base al Circolo Vela Arco per i raduni tecnici delle squadre giovanili 29er, 420, Nacra 15 e dell’olimpica femminile Laser Radial
Il Garda Trentino garanzia di allenamenti al top prima dell’appuntamento di metà luglio con i Mondiali Giovanili World Sailing
Il Diretto tecnico Giovanile FIV, nonchè vice-presidente CONI Alessandra Sensini presente giovedì al Circolo Presieduto da Carlo Pompili
Al Circolo Vela Arco settimane "in azzurro" prima della prossima regata nazionale dello skiff giovanile O’pen Bic, in programma nell'ultimo week end di giugno: la Federazione Italiana Vela, sia settore tecnico giovanile, che olimpico, ha programmato una serie di allenamenti sulle acque del Garda Trentino e in particolare per le classi 29er, 420, Nacra e Laser Radial, ospiti con atleti e coach federali al Circolo Vela Arco. Dopo essersi concluso il raduno dello skiff 29er, immediatamente gli fa staffetta il doppio 420, nonchè il catamarano Nacra 15, che insieme alle tavole RS:X (in allenamento al vicino Circolo Surf Torbole) sono le classi che saranno impegnate dal 13 al 20 luglio ai Mondiali Giovanili in Polonia, il più importante appuntamento della categoria dopo le Olimpiadi youth disputate lo scorso ottobre in Argentina. Non manca la classe olimpica femminile Laser Radial con Silvia Zennaro e Carolina Albano, affiancate nei primi giorni dalla squadra U19 sia maschile che femminile.
Per queste classi giovanili quindi ultimi dettagli in preparazione dell’appuntamento iridato World Sailing (la Federazione Internazionale di vela), che il settore giovanile azzurro (fino all’under 19), con a capo l’olimpionica nonchè vicepresidente del CONI Alessandra Sensini e il consigliere federale nazionale Domenico Foschini, ci ha abituati a vedere sul podio sia nella classifica per nazioni (vinta 2 anni fa in Nuova Zelanda e bronzo nel 2018 in Texas), che per alcune singole classi. Nella rosa dei convocati per la terza volta consecutiva nella classe 29er ci saranno atleti del Circolo Vela Arco, con Zeno Biagio Santini (Rovereto) con a prua l’arcense Marco Misseroni. Un onore per tutto lo staff del circolo essere rappresentati dal meglio della vela del domani.
 

Iniziato il 1° corso SCUOLA VELA!!!

Iniziato il 1° corso SCUOLA VELA del Circolo Vela Arco! Per l'occasione il gruppo è stato onorato (nonché fotografato) della presenza dell'azzurro Vittorio Bissaro, fresco vincitore in equipaggio con Maelle Frascari della medaglia d'oro alla finale di World Cup a Marsiglia, nei Nacra 17. 
Per i giovani allievi inizia un percorso, che sarà sicuramente di grandi soddisfazioni ed esperienze uniche! 
Per iscrivere tuo figlio ad uno dei prossimi corsi, ecco il calendario con i dettagli: http://www.circolovelaarco.it/scuola-di-vela/giovanissimi

Dominio assoluto dell’olandese volante Mischa Heemsrerk al Campionato Europeo di primavera dei catamarni Classe A

Dominio assoluto dell’olandese volante Mischa Heemsrerk al Campionato Europeo di primavera dei catamarni Classe A

Dominio assoluto dell’olandese volante Mischa Heemsrerk al Campionato Europeo di primavera dei catamarni Classe A: en plein con 6 vittorie

Secondo il greco Trigkonis; risalito al terzo posto il francese Dodè. Decimo e primo italiano Paolo Penco.
 
 
 
Lido di Arco (TN) - Si è conclusa sul Garda Trentino una due giorni in cui adrenalina, velocità, ma anche tecnologia hanno reso elettrizzante il Campionato Europeo di primavera dei catamarani singoli “Classe A, manifestazione organizzata dal Circolo Vela Arco, che ha visto la partecipazione di quasi 50 timonieri in rappresentanza di otto nazioni. 
 
 
Due giornate a dir poco perfette con sole, caldo e discreto vento da sud sui 12-14 nodi hanno caratterizzato la settima edizione del Campionato Europeo di primavera Classe A, un evento che sta richiamando sempre più partecipanti, appassionati di questo tecnologico catamarano singolo, che in questi ultimi tre anni ha avuto un’evoluzione importante, con l’adeguamento - come successo in tante altre classi - ai foil, le appendici che permettono agli scafi di sollevarsi dall’acqua, dando la sensazione di volare e raggiungendo così velocità impressionanti.
Dal punto di vista tecnico è stato infatti molto interessante osservare l’adeguamento della classe e dei concorrenti alla nuova tendenza foil:  tre anni fa gli scafi volanti si contavano sulle dita di una mano, lo scorso anno erano circa la metà e quest’anno è stato vero boom, con soli 3 Classe A in versione classica. E’ anche vero  però che la flotta è ancora molto eterogenea, con ampie differenze tecniche, che hanno influito non solo nella classifica finale, ma soprattutto negli abissali distacchi in regata: naturalmente volare e mantenere il controllo di questi impegnativi catamarani non è facile e chi da più tempo si è allenato a navigare foil ha praticamente doppiato gli avversari. E’ stato così per l’olandese Mischa Heemskerk che oltre a infilare sei vittorie su sei regate, di volta in volta ha inflitto distacchi impressionanti agli avversari; una tecnica la sua che in questi due giorni non ha dato alcuna chance agli altri concorrenti, che hanno portato i loro scafi in volo e quindi alla massima velocità molto meno frequentemente, rimanendo sempre più arretrati man mano che si completavano i giri di gara. Ha mentenuto una serie di prove regolari il greco Trigkonis, che con le ultime tre regate è riuscito a recuperare qualche punto e conquistare il secondo gradino del podio. Anche il francese Dodè Emmanuel nella seconda giornata ha preso più confidenza con il mezzo e con due terzi e un secondo è riuscito a migliorare quelle due posizioni che gli sono valse il podio, scambiando la propria classifica con l’argentino Sergio Mehl (ARG 1), sceso al quinto posto. Rimasto nella top ten l’italiano Paolo Penco (AN Sebina), decimo. Per quanto riguarda la classifica “Classic” vittoria di Alberto Farnesi-ventitreesimo assoluto-, seguito da Fernando Zara e Klaus Rocholl. Soddisfazione per tutto lo staff del Circolo Vela Arco, che grazie ad un sempre preciso e affiatato Comitato di regata FIV, ha concluso a programma pieno anche questa manifestazione, che ha richiamato gli appassionati di velocità, tecnologia, evoluzione, caratteristiche in cui il Circolo Vela Arco si riconosce sempre più, proponendo per la maggior parte dei suoi eventi regate riservate a “barche velocissime” e per tutte le età. E sarà infatti dedicata ai giovanissimi dell’O'pen Bic - Open Skiff la prossima regata nazionale FIV, in programma al Circolo Vela Arco a fine giugno: una regata in cui anche la squadra agonistica dello stesso club arcense cercherà di ottenere buoni risultati, così come in questi anni ha sempre fatto anche a livello internazionale.
 
I Catamarani Classe A volano sul Garda Trentino

I Catamarani Classe A volano sul Garda Trentino

I Catamarani Classe A volano sul Garda Trentino: leader assoluto del Campionato Europeo di Primavera l’olandese Mischa Heemskerk. L’italiano Penco nono
Domenica ultimo giorno di regate
 
 
Lido di Arco - Quasi 50 catamarani “Classe A” hanno preso "il volo” in questo primo assolato week end di giugno sul Garda Trentino per la prima giornata in programma del Campionato Europeo di Primavera organizzato dal Circolo Vela Arco. I veloci catamarani singoli, dotati per quasi la totalità di foil e quindi in grado di sollevarsi dall’acqua, hanno rispettato quanto ci si aspettava in termini di spettacolo. Tre le regate disputate in un susseguirsi di bordi di bolina e laschi in un unico percorso a “bastone” e tre vittorie a dir poco nette di Heemskerk Mischa (NED 7), che ha dato dei distacchi enormi agli avversari. Il velista olandese ha potuto guadagnare dei vantaggi davvero importanti grazie alla sua abilità nell’alzarsi dall’acqua navigando sui foil e raggiungendo una velocità tripla rispetto agli avversari. Per lui dunque non c’è stata storia in tutte e tre le regate, mentre gli immediati inseguitori sono in parità di punteggio: con un quinto e due secondi segue l’argentino (con vela AUS 88) Sergio Mehl, affiancato con un 2-4-3 dal greco (GRE 1) Kostantinos Trigkonis. Primo italiano Paolo Penco (Associazione Nautica Sebina), nono assoluto e protagonista di un ottimo quarto nella terza e ultima regata di giornata. Potrebbero avvicinarsi alla zona podio anche l’olandese Thijs Visser e il ceko Vladislav Ptasnik, considerando i rispettivi 12-6 e 9-13 seguiti da un ritiro (scartabile dopo la quarta prova). Domenica, seconda e ultima giornata della manifestazione con partenza decisa dal Comitato di regata FIV, alle ore 12:00 e altre tre regate in programma.
 
 
Campionati Europei di primavera del catamarano singolo “Classe A

Campionati Europei di primavera del catamarano singolo “Classe A"

La velocità sempre più nel DNA del Circolo Vela Arco: nel week end i Campionati Europei di primavera del catamarano singolo “Classe A"

 

Otto  nazioni partecipanti al Campionato Europeo di Primavera Classe A, il catamarano sempre più foil dal fascino unico, che darà spettacolo nel week end dell'1 e 2 giugno sul Garda Trentino, con “practice race” venerdì 31 maggio. Le previsioni danno finalmente sole e si preannuncia una regata sicuramente dall’alto tasso adrenalinico, con gli oltre 40 cat "Classe A", che di anno in anno diventano sempre più tecnologici, volanti e veloci. Il Circolo Vela Arco, prosegue dunque nella sua stagione sportiva “a tutta velocità” dato che le imbarcazioni ospiti nelle varie manifestazioni organizzate, sono per la maggioranza caratterizzate da performance eccezionali. Dopo i giovanili 29er e i Nacra 15 questo week end sarà la volta dei piccoli cat singoli lunghi 5,49 mt con Svizzera, Olanda, Austria, Francia, Germania, Danimarca, Repubblica Ceka e naturalmente Italia che si contenderanno il titolo europeo di primavera. 

SANTINI-MISSERONI SI AGGIUDICANO LA QUARTA REGATA NAZIONALE FIV 29ER

SANTINI-MISSERONI SI AGGIUDICANO LA QUARTA REGATA NAZIONALE FIV 29ER

I portacolori del Circolo Vela Arco Santini-Misseroni riescono nel sorpasso e si aggiudicano la quarta regata nazionale FIV 29er.
Spagnolli-Cialfi (Fraglia Vela Malcesine) senza avversari nei catamarani Nacra 15
Pioggia e vento da nord hanno caratterizzato la terza ed ultima giornata della regata nazionale FIV delle classi giovanili 29er e Nacra 15, manifestazione organizzata dal Circolo Vela Arco e prologo dei Campionati europei del veloce skiff 29er in programma sul Garda Trentino ad agosto. Flotta agguerrita, nonchè internazionale con 5 nazioni presenti imposte nelle prime posizioni della classifica generale e dieci regate totali (con due scarti) il bilancio di questa tre giorni, che nonostante il tempo perturbato ha permesso di regatare in condizioni di vento varie: il primo giorno da sud, per poi proseguire con vento da nord per le altre 7 prove. E l’ultima giornata è stata particolarmente emozionante dato che i portacolori del Circolo Vela Arco Santini-Misseroni sono riusciti nell’impresa di sorpassare nella più numerosa classe 29er gli avversari e, anzi, lasciare 5 punti ai tedeschi Finn-Borlinghaus; terzi gli ungheresi Jeney-De Jonghe. Ultima giornata particolarmente positiva dunque per gli arcensi allenati da Lorenzo Bianchini Santini-Misseroni, che domenica hanno piazzato due primi e un nono poi scartato, dimostrando una buona prova di carattere, che li ha balzati nettamente in prima posizione, andando a vincere anche questa nazionale dopo quella disputata a fine aprile a Punta Ala. Giornata no per i tedeschi Finn-Borlinghaus, passati da primi a terzi. Ottima prova in generale dell’equipaggio misto Bergonzini-Toscano (Fraglia Vela Malcesine), quinti assoluti e secondo equipaggio italiano. Primo equipaggio femminile e settime in generale le sorelle Giunchiglia (CV Sferracavallo e gemellate con la squadra agonistica 29er del Circolo Vela Arco), rimaste sempre in testa nella propria categoria e prime di categoria davanti alle tedesche Möbius-Hesse e le italiane del Circolo Vela Arco Veronica Hoffer e Sofia Leoni, protagoniste di un bel sesto e secondo posto assoluto in regata 8 e 9, che le ha fatte risalire fino al nono posto generale. 
E’ stata invece senza troppe emozioni per la vittoria finale la regata dei catamarani giovanili olimpici Nacra 15 con i locali Andrea Spagnolli con a prua Alice Cialfi (Fraglia Vela Malcesine), che hanno vinto nove prove consecutive e si sono potuti permettere di non partire  nell’ultima, che avrebbero comunque scartato. Sorpasso invece dei laziali Centrone-Passoni (Centro Velico 3 V), che con due terzi e un secondo sono riusciti a mettere dietro di 3 punti i sardi Atzori-Cerciello, terzi (4-4-3, Windsurfing Club Cagliari). 
Infine un grazie oltre che a tutto lo staff del Circolo Vela Arco, che si è adoperato come di consueto ad accogliere al meglio i 140 velisti con i rispettivi coach, al Comitato di regata FIV, che ha dovuto ben scegliere gli orari di gara in queste complicate giornate: dal punto di vista meteo non si è avuta vita facile, ma - grazie alle sensate scelte degli Ufficiali di Regata - è stato comunque possibile concludere 10 belle regate. 
Sempre vela ad alto tasso adrenalinico in programma nelle prossime settimane al Circolo Vela Arco: prossimo appuntamento i primi di giugno con il 7° Campionato Europeo di Primavera del catamarano singolo “Classe A”.
 
RISULTATI PROVVISORI SECONDA GIORNATA REGATE NAZIONALE 29ER/NACRA15

RISULTATI PROVVISORI SECONDA GIORNATA REGATE NAZIONALE 29ER/NACRA15

Regata Nazionale FIV 29er-Nacra15 Day2
Tedeschi passati in testa alla regata Nazionale 29er di Arco; Spagnolli-Cialfi stanno dominando nei Nacra 15.
Domenica la conclusione.
 
 
Nella seconda giornata della regata nazionale 29er-Nacra 15 in svolgimento al Circolo Vela Arco, sul Garda Trentino, il Comitato di regata FIV ha ben interpretato le previsioni meteo che lasciavano presagire oltre ad una leggera pioggia, un vento da nord, che effettivamente ha soffiato per tutta la mattinata e anche oltre,con un’intensità dagli 8 ai 14 nodi. La situazione ha così permesso di proseguire al meglio il programma di gare e disputare regolarmente altre 4 regate, portando a sette il numero totale e poter assegnare il primo scarto (il secondoseguirà dopo la nona regata). Ed è così che, come anticipato, l’equipaggio tedesco Finn-Borlinghaus, scartando la squalifica del primo giorno è passato nettamente in testa avendo realizzato oggi tre primi e un settimo. Si sono ben difesi gli arcensi Santini-Misseroni, secondi dopo tre terzi  e un quinto di giornata, che li ha portati a 8 punti dietro i leader e con altrettanti punti di vantaggio sugli ungheresi Jeney-De Jonghe, un po’ alterni nei parziali, ma risaliti nella classifica generale fino al terzo posto (oggi 2-12-4-1). Tra le donne sempre in testa le sorelle Giunchiglia (CV Sferracavallo e gemellate con la squadra Circolo Vela Arco), oggi un po’ meno brillanti dopo aver perso un po’ la pazienza dopo la prima prova e scese in quinta posizione della classifica generale.
Sembra senza storia la corsa sul catamarano Nacra 15 dei locali Spagnolli-Cialfi (Fraglia Vela Malcesine), che hanno accumulato 10 punti di vantaggio, sui sardi Atzori-Cerciello (Windsurfing Club Cagliari),  scartando addirittura un primo. Invariato anche il terzo posto ancora occupato dai laziali Centrone-Passoni (CV3V). Domenica ultima giornata di regate con possibili ulteriori 4 prove con partenza alle ore 10:00 e probabile vento da nord.
video (prova 4 Nacra e 29er): https://youtu.be/3wbZAxH7y9w
RISULTATI PROVVISORI PRIMA GIORNATA REGATE NAZIONALE 29ER/NACRA15

RISULTATI PROVVISORI PRIMA GIORNATA REGATE NAZIONALE 29ER/NACRA15

Regata Nazionale 29er e Nacra 15,
CIRCOLO VELA ARCO 17-19 MAGGIO
29er e Nacra 15 protagonisti sul Garda Trentino
Le sorelle Giunchiglia e Spagnolli-Cialfi in testa nelle rispettive classi
 
 
Centoquaranta giovani velisti dai 15 ai 20 anni hanno iniziato al Circolo Vela Arco la 4^ Regata nazionale 29er e Nacra 15- barche propedeutiche agli olimpici 49er e Nacra 17. La manifestazione, in programma fino a domenica e momento di confronto sullo stesso campo di regata che nel prossimo mese di agosto (18-24) vedrà i Campionati Europei 29er ha una buona partecipazione straniera con 5 nazioni presenti. Nella prima giornata di regate la situazione meteo è stata abbastanza buona con un vento leggero sugli 8-10 nodi e cielo nuvoloso, che ha permesso la disputa di 3 prove. Partenze separate per la flotta del catamarano giovanile olimpico ad equipaggio misto Nacra 15 e dello “skiff” 29er. Inizialmente il vento è stato un po’ più generoso nella prima regata per poi perdere di intensità nelle due successive. 
La classe Nacra 15 vede al comando l’equipaggio locale già vice-campione europeo con il timoniere Andrea Spagnolli, quest’anno con a prua Alice Cialfi (Fraglia Vela Malcesine), protagonisti di tre primi. A seguire i cagliaritani (Windsurfing Club Cagliari) Nicolò Atzori e Roberta Cerciello (2-2-3). A due punti i portacolori del Centro Velico 3 V Carlo Centrone e Diana Passoni (4-3-2). Nella classe 29er prime due posizioni occupate da equipaggi femminili: in testa le siciliane (CV Sferracavallo) gemellate con la squadra del Circolo Vela Arco Sofia e Marta Giunchiglia, che con un 6-2-3 precedono di 7 punti le altre sorelle maltesi Antonia e Victoria Schultheis (7-9-2). Terzi gli atleti del Circolo Vela Arco Zeno Santini e Marco Misseroni. Protagoniste di un primo parziale le tedesche Schwachhofer-Stoltze (regata 3), gli italiani Gaia Bergonzini e Leonardo Toscano (regata 2) e i tedeschi Finn-Borlinghaus, che dopo la vittoria nella regata di esordio hanno realizzato un quinto, seguito da una squalifica per partenza anticipata, che potrà essere scartata solo dopo la quarta prova; a quel punto l'equipaggio attualmente ventunesimo, potrà risalire la classifica potendo insediare le primissime posizioni. Per sabato partenza prevista alle ore 9:30 con le previsioni meteo ancora incerte e possibilità di pioggia.
 
 
 
L’italo tedesco Malte Reuscher vince sul Garda Trentino il 24° Trofeo Neirotti

L’italo tedesco Malte Reuscher vince sul Garda Trentino il 24° Trofeo Neirotti

Malte Reuscher ITA-7777 si è aggiudicati il XXIV° Trofeo Neirotti valido come prima tappa del Campionato Italiano di Slalom Windsurf 2019. 

Sul podio però vediamo anche un secondo posto del grande Alessandro Comerlati ITA-130, che torna egregiamente a far parlare di sè, e il giovane Riccardo Renna ITA-225 al terzo posto!

L’italo tedesco Malte Reuscher vince sul Garda Trentino il 24° Trofeo Neirotti 
Due prove di Slalom il bilancio finale, con un nulla di fatto di domenica per maltempo
Gilberto Neirotti, figlio di Paolo, da Masterchef alla cena per tutti i partecipanti alla prossima 25^ edizione del Trofeo?
 
Due regate di flotta della specialità slalom il bilancio finale del 24° Trofeo Neirotti, nonostante le previsioni del tempo pessime, che fortunatamente si sono verificate solo nella giornata di domenica, troppo fredda e ventosa per regatare in sicurezza. Il Circolo Surf Torbole e il Circolo Vela Arco, insieme per organizzare questa regata valida anche come 1^ tappa del Campionato Italiano Slalom, riconosciuto dall’AICW (Associazione Italiana Classi Windsurf) e dalla FIV, sono riusciti a sfruttare al meglio le condizioni avute sabato, in cui fortunatamente il tempo ha retto abbastanza e il vento da sud è riuscito ad entrare sul Garda Trentino, con intensità sufficiente per concludere due belle prove e tentando di partire anche per una terza, poi annullata per calo di vento. Novità di quest’anno è stata la scelta di fare una partenza di flotta tutti insieme, anziché dividere i partecipanti in batterie: per un periodo dell’anno in cui il vento termico può durare molto poco è stata la scelta più azzeccata per prendere tutto il vento possibile (questo tipo di regata necessità in partenza almeno 12 nodi). Per domenica le previsioni non promettevano nulla di buono: il freddo intenso con la neve scesa poco sopra Torbole e le raffiche molto violente che a centro lago hanno raggiunto oltre 50 nodi, non hanno garantito condizioni di sicurezza per disputare ulteriori regate e così alle ore 14:00 il Comitato di regata si è arreso a questo inizio maggio dalle caratteristiche invernali, accontentandosi comunque delle prime due gare svolte sabato e che hanno visto una bella battaglia sportiva. 
 
Meritata vittoria dell'italo tedesco Malte Reuscher (Centro Velico Naregno), che con due primi si è imposto nella classifica generale con quasi 50 iscritti. A seguire, racchiusi in un solo punto, ben 4 atleti con un sorprendente Alessandro Comerlati secondo assoluto (2-5, Fraglia Vela Malcesine) e primo della categoria Master. E proprio Comerlati, tornato a regatare solo lo scorso anno dopo anni di inattività, iniziò le sue prime regate internazionali con la Garda Trentino Cup, manifestazione in cui nel 1995 Paolo Neirotti per un malore morì sul campo di regata, e che ogni anno si ricorda con il Trofeo a lui intitolato. Terzo assoluto, anche se in parità di punteggio con Comerlati, Riccardo Renna (3-4 Circolo Surf Torbole), primo della categoria Under 20. 
Un punto alle sue spalle Andrea Rosati (6-2, Anzio Sporting Yacht Club) con appaiato il vincitore della scorsa edizione Thomas Fauster (5-3, Circolo Surf Torbole), rispettivamente secondo e terzo categoria Master. Francesco Scagliola (Circolo Velico Scirocco) e Jacopo Renna hanno pagato nella prima prova una partenza anticipata, nonostante il sesto e l’ottavo della regata successiva. Sul podio under 20 secondo posto di Daniel Slijk e terzo di Feuer Sven. Stefano Valenti, primo Gran Master,  buon dodicesimo assoluto. La ceka Adela Raskova prima donna sia assoluta che Under 20, seguita dalle Italiane Anna Di Paola e Beatrice Dalrì, quest’ultima seconda under 20. 
In occasione della premiazione ha presenziato il figlio di Paolo Neirotti, Gilberto, conosciuto dal pubblico televisivo appassionato di cucina per il suo recente secondo posto a MasterChef. I presidenti del Circolo Vela Arco e Circolo Surf Torbole Carlo Pompili e Armando Bronzetti gli hanno così strappato la promessa di mettere in pratica le proprie capacità culinarie in occasione della cena offerta a tutti i partecipanti per la prossima 25^ edizione: un bel modo per ricordare Paolo Neirotti insieme a tutti gli amici che anni fa regatavano con lui- e non solo, alcuni dei quali ancora in piena attività.
 
 
Video- passaggio in boa by Emilio Santinelli: https://youtu.be/gmA98A86icU
VIII EASTER REGATTA FINAL RESULTS

VIII EASTER REGATTA FINAL RESULTS

Si è conclusa la seconda ed ultima giornata della Easter Regatta che vede al primo posto l'equipaggio Misseroni-Santini, al secondo posto l'equipaggio Leoni-Hoffer , entrambi del Circolo Vela Arco, e al terzo posto l'equipaggio Yaroslav-Kostal dello YC Pardubice.

DI SEGUITO LA CLASSIFICA 

 

VIII EASTER REGATTA PROVISIONAL RESULTS

VIII EASTER REGATTA PROVISIONAL RESULTS

Si è conclusa la prima giornata della Easter Regatta che vede in prima posizione l'equipaggio Santini-Misseroni, seguito da Hoffer-Leoni e in terza posizione Gaiotto- Conti, tutti del Circolo Vela Arco. 

DI SEGUITO LA CLASSIFICA 

 

APERTURA NUOVA STAGIONE SPORTIVA 2019

APERTURA NUOVA STAGIONE SPORTIVA 2019

Il 13 -14 Aprile si apre la nuova stagione sportiva con la Easter Regatta!
 
Il Circolo Vela Arco il 13 e 14 aprile apre la sua stagione sportiva con la 29er Easter regatta : giovani, velocità, spettacolo in un week end in cui il Garda Trentino ritorna ad animarsi grazie agli sport d’acqua 
 

Al Circolo Vela Arco inizia la stagione sportiva delle regate sotto il segno dei veloci 29er, lo scafo propedeutico all’olimpico 49er e Nacra, che quest’anno avrà un’intensa serie di regate proprio sul Garda Trentino e al Circolo Vela Arco. Se la 29er Easter Regatta prevista nel week end del 13 e 14 aprile ospiterà una settantina di velisti provenienti da 5 nazioni, gli eventi dedicati a questa classe giovanile (dai 15 ai 18), organizzati dal Circolo presieduto dal neo-eletto Carlo Pompili, saranno un crescendo: seguirà infatti dal 17 al 19 maggio la regata nazionale 29er Italia, mentre ad agosto, dal 16 al 24 è in programma una delle manifestazioni più attese della stagione, il Campionato Europeo 29er. In Italia uno dei circoli più attivi nella classe 29er è proprio il Circolo Vela Arco, già protagonista negli anni con equipaggi d’eccezione che hanno conquistato titoli europei e mondiali. Nel week end il circolo arcense sarà presente alla prima regata organizzata in casa con 4 equipaggi allenati da Lorenzo Bianchini: saranno sulla linea di partenza Filippo Gaiotto con a prua Edoardo Conti, Veronica Hoffer e Sofia Leoni (Sofia è stata campionessa del mondo nel 2017), Zeno Biagio Santini e Marco Misseroni, vincitori lo scorso week end della regata zonale disputata a Malcesine, con le new entry Agata Scalmazzi-Giulia Vezzoli. Gemellato con la squadra anche l’equipaggio siciliano del Circolo Velico Sferracavallo formato dalle sorelle Sofia e Marta Giunchiglia

Il programma della 29er Easter Regatta prevede skipper’s meeting sabato alle ore 11e 8 prove totali, con un massimo di 4 al giorno. Dal week end il Garda Trentino inizierà così a colorarsi di vele in una nuova stagione all’insegna dei giovani e della vela, disciplina intesa sempre più come sviluppo di alte velocità e massima espressione di molte classi, che scelgono il Circolo Vela Arco per disputare le loro regate nazionali e internazionali.
NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO

NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO

Carlo Pompili Nuovo Presidente!

Un grazie al Presidente uscente Luca Nardelli per l'ottimo lavoro svolto!

 

Rinnovo Consiglio direttivo Circolo Vela Arco: Carlo Pompili presidente

Il "past President" Luca Nardelli lascia il proprio mandato con un bilancio economico e sportivo nettamente positivo 

Arco (TN) - Domenica scorsa 7 aprile si è tenuta al Circolo Vela Arco l’ assemblea elettiva per scadenza del mandato quadriennale del Consiglio Direttivo presieduto da Luca Nardelli, che ha concluso il suo impegno con un bilancio nettamente positivo, sia a livello economico, che sportivo: per quanto riguarda il primo da registrare un attivo di cassa, mentre per quello sportivo il bilancio riassume un palmares di ben 2 titoli italiani, 2 europei ed un titolo mondialenelle classi giovanili di punta del circolo, O’pen Bic e 29er. Giovedì 11 il nuovo consiglio direttivo si è riunito e ha deliberato le cariche sociali: presidente Carlo Pompili, vicepresidente Massimo Cagnoni, direttore sportivo Michele Giorgini, medico sportivo, nonché consigliere Maurizio Centonze;  altri consiglieri: Alessandro Degasperi, Mauro Conti, Mauro Derosa, Luca Cestari e Gianfranco Bellotto. Con il nuovo consiglio direttivo il Circolo Vela Arco si appresta nel week end ad organizzare la prima regata della stagione velica 2019, la 29er Easter Regatta, che anticipa un calendario di prestigio, che culminerà ad agosto con il Campionato Europeo 29er, evento che proprio perchè organizzato sul Garda Trentino - si preannuncia con partecipazione record. Al nuovo consiglio direttivo buon lavoro e al precedente un caloroso ringraziamento per l’ottimo lavoro svolto!

TRASFERTA O'PEN BIC A TARANTO

TRASFERTA O'PEN BIC A TARANTO

Ed è subito podio!!

 

Due argenti e un bronzo per i giovani portacolori del Circolo Vela Arco alla I tappa del Campionato Nazionale O’pen Bic di Taranto

Argento per Davide Gaiotto (U17) e Riccardo Michelotti (U13);  bronzo per Filippo Michelotti (U17)

Alla Lega Navale di Taranto la squadra O’pen Bic del Circolo Vela Arco, con il coach Pietro Bertolussi, ha affrontato tre giorni complicati, sul bellissimo campo di regata pugliese, che ha offerto la disputa di 10 regate in tutto. I primi due giorni con vento da nord superiore ai 20 nodi e molto rafficato hanno favorito i portacolori arcensi, che si sono subito portati nelle prime posizioni della classifica, sia nel gruppo dei più grandi U17 che nei piccolini U13. L’ultima giornata è stata però caratterizzata dalla termica, che non riusciva a stendersi sul campo di regata, ritardando di molto le procedure di partenza, fino ad arrivare a disputare l’ultima regata appena entro il tempo limite: il vento leggero non ha facilitato le cose tanto, che nella classifica U17 Davide Gaiotto ha perso la leadership perdendo in un giorno i 12 punti di vantaggio che aveva dopo le prime 7 regate sul vincitore finale De Felice, finendo comunque ad un ottimo secondo posto, in parità di punteggio con il primo; così anche Filippo Michelotti scivolato dalla seconda alla terza posizione, a soli due punti dal compagno di squadra Gaiotto. 

Gran finale di Riccardo Michelotti negli U13 , che ha vinto nell’ultimo giorno due prove con largo distacco, recuperando così i punti necessari per conquistare il secondo gradino del podio. Complimenti anche a Beatrice Conti che si è difesa bene nonostante il suo esordio con la vela più grande! Nel complesso una buonissima prestazione della squadra che ancora una volta si è dimostrata al vertice delle classifiche nazionali del veloce monotipo singolo giovanile. I prossimi appuntamenti della stagione vedono la nostra squadra impegnata ancora una volta al Sud, al Vela Club Palermo, dove si disputerà dal 19 al 21 aprile la prima tappa dell’Eurochallenge O’pen Bic.

CALENDARIO REGATE 2019

CALENDARIO REGATE 2019

Il calendario delle regate 2019 !

 

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA 7 APRILE

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA 7 APRILE

Per il giorno 7 aprile 2019 alle ore 10:00 è stata convocata l'Assemblea Ordinaria e Straordinaria.

 

2019 - PRIMO PODIO MONDIALE

Cominciamo bene  il 2019 !!!

Il nostro Leo ci regala una grande soddisfazione. Complimenti per il terzo posto al mondiale O'Pen Bic in Nuova Zelanda. Grande lavoro del nostro coach Valentino ! Grazie 

REGATTA WS NEIROTTI 2018

Nel week end al Circolo Surf Torbole il 23° Trofeo Neirotti, regata slalom in collaborazione con il Circolo Vela Arco

Domenica  “Action 4 amputees-Adaptive Windsurf Cup”, per la prima volta atleti disabili/amputati,  in regata sul Garda Trentino durante lo stesso Trofeo Neirotti, valevole come  tappa dell’Italian Slalom Tour
Il 19 e 20 maggio al Circolo Surf Torbole - con la collaborazione del Circolo Vela Arco - si svolgerà il 23° Trofeo Neirotti, regata di windsurf specialità slalom in ricordo dell'atleta Paolo Neirotti, ITA 47, che per un malore morì nel 1995 durante la "Garda Trentino Cup”. Un evento che raduna i tanti amici surfisti, che in questa due giorni si divertiranno a gareggiare con gli slalom, mantenendo viva la grande passione e professionalità dello stesso Neirotti, che tante regate fece sull’Alto Garda. Ma la grande novità di quest’anno è che nella giornata di domenica la manifestazione accoglierà tra i propri ospiti regatanti anche gli amici di Action 4 Amputees, progetto sociale ideato da Francesco Favettini: in occasione dello stesso Trofeo Neirotti si disputeranno nella giornata di domenica regate con classifica a sè “adaptive windsurf”. Come già succede in tantissimi altri sport, anche il windsurf può essere infatti praticato con grande determinazione e coraggio da atleti disabili, che non rinunciano alle emozioni date dall’acqua, dalle planate, dalla velocità che offre il windsurf.  Grazie alla FIV - Federazione Italiana Vela e AICW (Associazione italiana classi windsurf) le persone con disabilità, naturalmente con il livello tecnico necessario, per la prima volta nella storia del windsurf, potranno partecipare all'Italian Slalom Tour iniziando proprio dal 23° Trofeo Paolo Neirotti, evento che quest’anno ha sicuramente un valore aggiunto.  

"Per l’apprendimento facilitato della disciplina - spiega Francesco Favettini - abbiamo dotato le nostre tavole del nuovo dispositivo IDo Innovation che consente alla vela di non cadere in acqua facilitando l'apprendimento per chi ha problemi di equilibrio. Inoltre metteremo a disposizione delle nuove protesi, appositamente studiate per l’attività sportiva e più stabili e comode rispetto alle normali e la nuova versione del più piccolo dispositivo di galleggiamento al mondo, che portato al polso come orologio, è riutilizzabile e può dispiegare in soli due secondi un cuscino autogonfiante capace di offrire 57 Newton di galleggiabilità aggiuntiva e mantenere a galla una persona di 130 Kg, un aiuto decisivo in caso di difficoltà. Con queste prerogative sempre più persone disabili potranno avvicinarsi anche al windsurf, potendo un giorno anche regatare così come faranno domenica 20 maggio alcuni degli atleti più esperti, che potranno realizzare un sogno: primi tra tutti Antonino Lo Baido e Dario Ingravallo, che non vedono l'ora di sfidarsi in boa nelle acque gardesane in mezzo a tanti famosi atleti”.  
v "Un’altra sfida per il Circolo Surf Torbole, che domenica affiancherà gli amici di Action 4 Amputees in questo progetto sociale che avvicina i disabili al windsurf, realtà che sembrava impossibile fino a qualche anno fa - ha commentato alla vigilia il Presidente del Circolo Surf Torbole Armando Bronzetti - Siamo molto contenti di essere i primi ad accogliere qui sul Garda, patria del windsurf, un evento inclusivo al Trofeo Neirotti, che coinvolga tra gli atleti abituali, chi sta superando difficoltà che sembravano insormontabili. Un bel messaggio per tutti noi”.

O'Pen Bic World Championship Day 2- Bona secondo dietro gli australiani

È subito scontro Italia - Nuova Zelanda. Al mondiale O'Pen Bic in scena al Circolo Vela Arco nella prima giornata di prove per la categoria U17 in prima posizione svetta il neozelandese Sean Herbert tallonato a breve distanza da Giorgio Bona del Circolo arcense con due primi e un quarto posto, mentre per gli U13 è l'erede di Russell Coutts, Mathias Coutts (Nzl) a primeggiare con tre primi posti indiscussi. 

Ottima la prima giornata per l’erede di Russell Coutts che si posiziona al primo posto dimostrando di sapersi destreggiare abilmente sulle acque del Garda trentino sotto lo sguardo vigile e attendo del padre allenatore.

Secondo giorno al mondiale O’Pen Bic in scena al Circolo Vela Arco che dopo la giornata inaugurale del 31 agosto con la parata delle nazioni per le vie del centro storico di Arco e la Selection Race che ha definito i cancelli d’ingresso per gli atleti, ieri (1 agosto) si sono svolte le prime prove che porteranno il 5 agosto prossimo all’individuazione del miglior velista di O’Pen Bic al Mondo. Classe da poco inserita dalla Federazione Italiana Vela (Fiv) nelle categorie federali e su cui si sta puntando molto soprattutto per portare un nuovo approccio agonistico e sportivo alla vela giovanile. Scafi leggeri, open, agili e di facile governabilità, ma che imprimono nelle giovani generazioni lo spirito più vero e profondo dell’agonismo sportivo velico. Una prima giornata tutt’altro che decisiva ma che va a delineare la competitività di tutti gli atleti presenti, 187 papabili campioni mondiali provenienti da dodici nazioni (Australia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Giappone, Nuova Zelanda, Polonia, Repubblica di San Marino, Spagna, Svizzera, Stati Uniti e, ovviamente, Italia). Sulla linea di partenza nella prima giornata di prove valide per il titolo di campione del mondo 132 Under 17 e 55 Under 13. Il Garda trentino si colora così di bianco e rosso, gradazioni distintive di queste piccole e sempre più numerose imbarcazioni. Segnale di partenza all’una per poi proseguire nella realizzazione di tre prove svolte con un vento di media entità. Partono bene gli Italiani che occupano la parte alta della classifica con ben sei tricolori per la categoria U17 e otto per la categoria U13 nelle prime 20 posizioni. Molto bene anche i francesi seguiti da Austria e Nuova Zelanda che dominano le classifiche per maggior presenza di atleti. Tutte le nazioni hanno dimostrato di voler competere attivamente per portare i propri atleti al vertice. I piccoli agonisti hanno lottato con ottime doti agonistiche contro il vento gardesano, l’Ora. Giornata impegnativa sotto un bel sole caldo, ma per i quasi 200 concorrenti il rientro a terra è stato allietato da una bella scorpacciata di pasta e dalla distribuzione a sorteggio di piccoli ma significativi premi omaggio degli sponsor di questo mondiale: Coni, Fiv, World Sailing, Garda Trentino, Comune di Arco, Trentino, Rigoni di Asiago (presente anche con la sua mascotte), Cassa Rurale Alto Garda, Negri Nautica e Stuffer oltre che dalla classe internazionale O’Pen Bic. Per oggi (2 agosto) i primi segnali per barche in acqua saranno dati in mattinata e si cercheranno di portare a termine un buon numero di prove, tempo e vento permettendo. a seguire ancora pasta party e nuovamente una generosa distribuzione di premi giornalieri. Tutto scorre secondo il cronoprogramma al Circolo Vela Arco anche grazie allo staff preparato grazie al rodaggio stagionale che lo ha visto impegnato su più fronti in importanti regate internazionali non ultimi i mondiali di Nacra e gli Europei di Classe A.

Inaugurazione O'Pen Bic e Parata

Presentazione Mondiale O’Pen Bic

È mondiale. Al Circolo Vela Arco sono arrivate 12 nazioni per quasi 200 giovani velisti. Agonisti in erba ma già dalle comprovate doti nautiche che dal 31 luglio al 5 agosto si sfideranno nel mondiale di categoria riservato alle imbarcazioni a vela O’Pen Bic.

Una manifestazione di rilievo che il Circolo Vela Arco ha voluto legare al territorio e che proprio per questo ha organizzato una folcloristica sfilata delle nazioni degna di ogni grande incontro sportivo mondiale. Le dodici nazioni, con gli agonisti, gli allenatori, lo staff tecnico e dirigenziale e tutti i famigliari hanno attraversato nella serata di ieri le vie del centro storico di Arco sventolando le bandiere delle proprie nazioni e colorando via Segantini. La carovana mondiale ha attraversato piazza tre Novembre, piazzale Marchetti passando davanti all’omonimo e famoso palazzo asburgico dai caratteristici camini, per giungere in piazzale Segantini innanzi ai giardini cittadini dove tutti gli atleti hanno salutato la città e presentato il programma di questo mondiale. Presenti il sindaco di Arco Alessandro Betta, il presidente del Circolo Vela Luca Nardelli, la presidente del Coni Trento Paola Mora, Domenico Foschini per la Fiv e il presidente dell'Apt locale Garda Trentino, Marco Benedetti. «La nostra città - ha esordito Betta - si sta affermando come città ideale per la realizzazione di giochi sportivi outdoor. Ormai non è così inconsueto vedere eventi mondiali e questo non può che farci piacere e aiuta a fare promozione al territorio aiutando tutti i settori». Arco e il suo lido diventano ufficialmente il palcoscenico internazionale per una delle categorie giovanili più in crescita e che prepara i giovani velisti al salto di qualità su imbarcazioni open di più alta caratura sportiva. Tra i giovani atleti il figlio dell’olimpionico e più volte vincitore dell’America’s Cup Russell Coutts. Lo stesso è presente al Circolo arcense per seguire le prestazioni del proprio figlio come padre e come allenatore. Le presenze famose non si esauriscono e in questa giornata inaugurale è giunto in Italia il neo vincitore del mondiale Optimist 2017 in Thailandia, Marco Gradoni, che parteciperà anche al mondiale O’Pen Bic. Competizione che il Circolo Vela Arco ha ottenuto sull’onda delle vittorie di Federico Zampiccoli, arcense doc, vincitore del mondiale O’Pen Bic nel 2013 e oggi tra i timonieri di punta sulla categoria maggiore dei 29er. Saranno giorni impegnativi per il Circolo arcense che dovrà gestire un’importante presenza di giovani atleti internazionali, atleti che nella mattinata di ieri hanno calcato le acque gardesane nella selection race, una regata di prova per dare modo a tutti di conoscere le condizioni meteomarine del lago di Garda. Da oggi prenderanno il via le prove del mondiale che si chiuderanno nella mattinata del 5 agosto. Arco per la prima volta ha visto nelle proprie vie, oltre agli atleti di arrampicata sportiva, una rappresentazione variegata e importante della velica mondiale. Sempre di più Arco si sta affermando come la capitale mondiale dello sport outdoor.

EUROPEAN SPRING CHAMPIONSHIP A CAT

EUROPEAN SPRING CHAMPIONSHIP A CAT

Si chiude la roboante regata dedicata ai catamarani Classe A. Un confronto europeo di alto livello che il Circolo Vela Arco ha saputo organizzare regalando emozioni veliche fin dai primi giorni in una cornice pittoresca e invidiabile come quella del Garda trentino. Nuovo agli A Cat, ma navigatore di fino visto la sua ultima partecipazione alle Olimpiadi di Rio 2016, Vittorio Bissaro si conferma al secondo posto con una prestazione pregevole e in costante crescita. Suoi un primo e due terzi posti.

 

Meglio dell'italiano fa solo il polacco Jakub Surowiec con due secondi posti e un primo. Terzo Sergio Mehl con un quarto e due quinti posti. Per i colori del Cva ottima prestazione di Lorenzo Bianchini, sfortunato il primo giorno, ma che mette in saccoccia due quarti e un dnf, terminando in sedicesima posizione. Ad amministrare la giuria, impeccabile in ogni frangente Antonio Micillo, presidente Coni della Liguria. Dal 2 al 4 giugno il Cva è stato teatro di un Europeo di livello, ad alta prestazione dove i catamarani, molti dei quali armati a foil, hanno sfrecciato sulle acque gardesane. Un appuntamento internazionale che mette in rilievo le peculiarità di un territorio unico per  caratteristiche meteomarine idonee a qualsiasi tipo di campionato, regata o evento velico. Salutiamo gli ospiti, le nazioni partecipanti, gli addetti ai lavori e soprattutto i vincitori per aver reso questi giorni unici e indimenticabili. 

 DAY 2

Si chiude il secondo giorno di prove per i circa 50 A Cat in gara al Circolo Vela Arco in questo European Spring Championship 2017 che tra i partecipanti in gara vede portavoce del tricolore italico l'olimpionico di Rio 2016 Vittorio Bissaro. Due le prove portate a termine con un vento teso che anche in questa seconda giornata ha creato non pochi problemi agli agonisti. Dopo le difficili condizioni del primo giorno, la giornata di sabato si è rivelata altrettanto emozionante sia dal punto di vista dello spettacolo che da un punto più prettamente tecnico dove hanno fatto la differenza le regolazioni di fino dei performanti catamarani della Classe A. Sul totale dei tre scontri la classifica provvisoria del primo giorno subisce un leggero cambiamento e vede primeggiare Jakub Surowiec (Pol) con due secondi e un primo posto. Lo tallona Bissaro con un primo e due terzi piazzamenti. Terzo gradino per Sergio Mehl con un quarto e due quinti posti. Molte le imbarcazioni che non sono riuscite a reggere i venti gardesani a riprova delle qualità tecniche dei campi di gara del Garda trentino, una palestra naturale per la vela di alta classe, che mette a dura prova anche i marinai più navigati. Per la giornata di domani si preannuncia un ultimo giorno al cardiopalma dove il meteo ballerino potrebbe far danzare ancora una volta queste schegge della vela. L’organizzazione e il comitato di gara sono riusciti a raddoppiare le prove della prima giornata grazie a una buona lettura delle previsioni meteomarine. 

DAY 1

È Vittorio Bissaro, l’olimpionico di Rio 2016, a dominare la prima giornata di prove dell’European Spring Championship, dedicato ai catamarani della Classe A e organizzato dal Circolo Vela Arco. Una giornata ricca di emozioni con una sola prova in cantiere dove le condizioni meteomarine hanno alimentato una battaglia accesa. Il vento divergente per direzione e intensità in due parti del campo di regata ha dato del filo da torcere agli atleti presenti, molti dei quali non sono riusciti a reggere le forti raffiche. Alcuni partecipanti hanno disalberato, mentre altri non sono riusciti a governare il mezzo causando qualche incidente di percorso. Bissarro si è subito sbrogliato e ha messo in mostra le proprie doti finendo la prova in testa e spodestando, per ora, il due volte detentore deo trofeo Mischa Heemskerk (Ned) costretto al ritiro. Ottima la gestione della competizione con il comitato di regata, presieduto da Antonio Micillo, che è riuscito a far concludere almeno una prova. La giornata è stata infatti molto ballerina e dopo la sola botta di vento del primo pomeriggio è calata aria piatta. Si è quindi deciso di finire la giornata e prepararsi ai giorni successivi. Si torna in campo quest’oggi alle 12.30. La cronaca vede al secondo posto Jakub Surowiec (Pol) e terzo l’olandese Coen De Koning. Circa 50 le imbarcazioni presenti al circolo arcense, multiscafi leggeri, dinamici e veloci che hanno saputo affascinare e coinvolgere anche il folto pubblico di turisti presenti sulle spiagge gardesane.

Pre Regata

Comincia quest’oggi (2 giugno) la quinta edizione dell’Europeo primaverile dedicato ai catamarani della Classe A organizzato dal Circolo Vela Arco e che durerà fino a domenica 4 giugno. Un evento che porterà sulle acque del Garda trentino oltre 50 atleti provenienti da tutta Europa. Austria, Francia, Italia, Danimarca, Olanda, Polonia e Svizzera, saranno queste le nazioni che si contenderanno l’ambito trofeo. Per i colori italiani, a contrastare il due volte campione (nel 2014 e nel 2016) Mischa Heemskerk (Ned), l’olimpionico Vittorio Bissaro (Nacra 17 a Rio 2016) e l’allenatore della classe 29er arcense, Lorenzo Bianchini, che hanno dato prova di buone abilità in Classe A all’ultima edizione della nazionale Trofeo Sunset svoltosi a Calambrone e conquistando la seconda e terza piazza. Tutti gli atleti sono pronti a far valere le proprie capacità. Gli A Cat si caratterizzano per la loro agilità e velocità rendendo la competizione particolarmente suggestiva da seguire anche dal litorale gardesano. L’impegno organizzativo del circolo arcense ha fatto sì che la manifestazione si possa svolgere in completa sicurezza in un campo di regata idoneo alle esigenze di classe.  A dirigere il comitato di regata è stato designato presidente Antonio Micillo. I catamarani del Classe A si sfideranno da questa mattina fino a domenica 4 giugno. Forte la partecipazione degli equipaggi svizzeri che con sempre maggior frequenza prediligono le acque e i venti del Garda trentino. Segnale di partenza previsto per le 13.

 

NAZIONALE GIULIANOVA: ARCENSI DA PODIO PREMIATI DAL PRESIDENTE FIV ETTORRE

Ancora una volta sono gli arcensi della classe 29er a dominare il podio della propria categoria. L’occasione ghiotta si è rivelata la Terza Nazionale 29er andata in scena sabato 13 e domenica 14 maggio nelle acque abruzzesi antistanti Giulianova. Sul gradino più alto il duo Margherita Porro e Luca Fracassi che su 5 prove si permettono di scartare un terzo piazzamento dopo aver totalizzato tre primi e un secondo.

Seguono a ruota Federico Zampiccoli e Leonardo Chisté che dopo una breve pausa tornano in acqua più competitivi che mai. Il terzo equipaggio del Circolo Vela Arco, composto da Veronica Hoffer e Sofia Leoni chiude in decima posizione su 40 partecipanti. Una competizione davvero molto tecnica dove le condizioni meteomarine hanno determinato l’ordine di arrivo. Le acque abruzzesi di Giulianova soprattutto nella giornata di sabato sono state soggette a importanti correnti che hanno influenzato le strategie di tutti gli equipaggi. Per gli arcensi è stata un’occasione per mettere in pratica quanto imparato nelle precedenti regate marine e con lungimiranza sono riusciti a sfruttare le proprie abilità a loro vantaggio non incappando in grossolani errori di valutazione. La cronaca vede sul terzo gradino del podio Giovanni Boletti e Nicola Torchio dell’Sc Garda Salò. A metter in mostra l’importanza del traguardo raggiunto dagli atleti lacustri il presidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre che ha voluto premiare i regatanti complimentandosi con loro per la prestazione ottenuta. La formazione arcense rincasa nuovamente con un ghiotto bottino frutto di un duro allenamento svolto da tutti con costanza e passione. A dirigere il gruppo e a imprimere in loro le doti atletiche che stanno facendo emergere positivamente tutta la squadra vi è l’esperienza dell’allenatore Lorenzo Bianchini.

 

 

 

 

 

 

 

WEBCAM

In diretta le webcam che guardano il Circolo Vela Arco e il Lago di Garda