• CVA LAGO2compressa

    LA VELA

    Una grande passione

  • foto 1

    Il vento e le onde

    sono a favore dei navigatori più abili

  • foto2

    I GIOVANI

    L' investimento nel futuro

Negri Nautica

REGATTA DART18 & TORNADO 2020

Really a lot of woman @ the regatta Dart18/Tornado !

See the photos on FLICKR      https://flic.kr/s/aHsmQZNnwC

 

Bronzo per Margherita Porro al Cico 2020

Dopo tanto lago è venuto il momento di regatare al mare per l’atleta 49er FX del CVArco Margherita Porro con a prua Sveva Carraro (Aeronautica Militare): l’occasione si è creata  con i Campionati Italiani Classi Olimpiche (CICO) disputati a Follonica in una  settimana settembrina inizialmente ventosa.Per loro terzo posto tricolore alle spalle di Germani-Bertuzzi, Omari-Distefano, con il secondo posto assoluto conquistato dalle croate Nincevic-De Micheli. 
Questo il commento di Margherita a Campionato concluso:
“Siamo entrate in acqua consapevoli del fatto che avevamo alle spalle 20 giorni di stop forzato causa infortunio. Speravamo in un vento un po’ più contenuto per iniziare con gradualita, ma i primi giorni sono stati impegnativi con maestrale sui 20 nodi. 
È stato molto utile confrontarsi con l’onda del mare in quanto ci siamo sempre allenate sul lago e abbiamo capito su cosa migliorare. Ora tra una settimana inizia il campionato 
europeo in Austria (28 settembre - 4 ottobre) dove dobbiamo tirare fuori il meglio!"

Conclusa con 10 prove la regata Open skiff al Circolo Vela Arco, la prima nazionale FIV post-covid

Nina Tripepi, Luigi Veniero e Matteo Lubrano Lavadera i vincitori delle categorie Under 13 Prime, Under 13 e Under 17
Vento da nord e tre ulteriori regate nell’ultimo giorno
Lido di Arco (TN) - Il Garda Trentino ha regalato altre tre fantastiche giornate alla sessantina di giovani velisti arrivati da tutta Italia per partecipare alla regata nazionale FIV del singolo Open Skiff, manifestazione organizzata dal Circolo Vela Arco, su delega della Federazione Italiana Vela, per bambini e ragazzi dagli 8 ai 17 anni, impegnati su questa barca veloce, acrobatica e divertente. Dopo le prime due giornate in cui si è regatato nel classico orario dalle 13 alle 17 circa disputando 7 regate (4+3), mercoledì, ultimo giorno in programma, le condizioni sono state opposte dato che è stata data partenza alle 8:30 con il vento da nord, più rafficato e con acqua piatta rispetto all”ora” del pomeriggio.Condizioni che hanno fornito un range di prove diverse tra loro e dato la possibilità a tutti di mostrare il valore tecnico in campo con ulteriori tre regate per un totale di 10 prove e l’applicazione di 2 scarti. Il campo di regata è stato posizionato con le nuove boe elettriche del Consorzio Garda Trentino Vela, che hanno mantenuto la posizione GPS con una facilità di utilizzo tale da rendere efficace e rapida la comunicazione tra Comitato di Regata e posaboe, che hanno dovuto velocemente adeguarsi a questi nuovi mezzi, la vera novità delle regate sul Garda Trentino, tratto di lago che ha profondità che arrivano anche oltre i 200 metri. Da segnalare che anche la pilotina di partenza ha mantenuto la posizione governata da segnale GPS, sincronizzato con motore elettrico installato a prua.
Le regate, i podi
Nelle categorie Under 13 Prime e Under 17 la classifica è rimasta invariata rispetto al secondo giorno, con vittoria confermata rispettivamente della giovanissima atleta del Circolo Vela Arco e arcense Nina Tripepi e MatteoLubrano Lavadera dall’Isola di Procida (Lega Navale Procida). Per quanto riguarda la categoria dei più piccoli (8-9 anni), Nina ha mantenuto fin dal primo giorno la testa della classifica, finendo dopo 10 regate davanti a Edoardo Savoldini (AN Sebina). Anche negli under 17 Matteo Lubrano Lavadera (LNI Procida), dopo esser passato in testa nel secondo giorno non ha mollato la presa sugli inseguitori, Manuel De Felice (CN Monte Procida) e Rebecca Orsetti (LNI S. Benedetto del Tronto), che è riuscita a condurre una regata in recupero riuscendo con l’ultima giornata a superare De Felice e aggiudicarsi la seconda posizione generale, grazie ad un 2-1 rispettivamente di regata 6-7 e infine 8-9. De Felice ha dato il massimo nel finale, chiudendo con la vittoria della decima ed ultima regata, finendo ad un solo punto di distacco dalla Orsetti. “Siamo la prima classe velica ad aver organizzato un evento nazionale FIV dopo il lockdown” - ha annunciato alla premiazione la segretaria generale della classe Open Skiff Laura Pennati - Ringrazio il Circolo Vela Arco e il suo Presidente Carlo Pompili per aver organizzato così meravigliosamente questo evento in così poco tempo; sono state tre giornate molto impegnative, ma che hanno permesso di vedere realizzato un evento bellissimo. Grazie a tutti i genitori, coach, ragazzi e Ufficiali di Regata della Federazione Italiana Vela, per aver permesso tutto questo!”.
Prossimo appuntamento con le regate al Circolo Vela Arco sarà all’insegna della velocità e delle barche acrobatiche dal 28 al 30 luglio con la  Nazionale 29er, Nacra 15, 49er e 49er FX per poi proseguire con la regata clou “Ora Cup Ora” della classe Optimist in programma dal 7 al 9 agosto.
 
 
 
photo credit: Elena Giolai©
 
 
 
DIDASCALIA: primi di ogni categoria> vedi nome file
 
NOTE: 
Ufficiali di Regata FIV Federazione Italiana Vela
 
Presidente CDR Eugenio Valksecchi
Eros Angeli
Alessandra Pompili
 
Arbitri:
Luigi Bertini
Federico Osti
 
ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA CVA

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA CVA

Vi aspettiamo tutti !     

Assemblea Ordinaria e Straordinaria

DOMENICA 12 LUGLIO  2020 alle ore 10:00

 

CIRCOLI VELA - GARDA TRENTINO

Tutte le attività dei circoli velici del Garda Trentino si fermano: annullate le regate programmate nel mese di aprile, tra cui il “Meeting del Garda Optimist”, fiore all’occhiello dell’attività velica non solo del Garda, ma di tutta Italia e già Guinness dei primati, con oltre 1200 giovani partecipanti

Uniti per cercare di rimodulare il calendario sportivo e recuperare, ove e quando possibile, alcuni eventi
Tutti i circoli della sponda trentina del lago di Garda si sono riuniti virtualmente per decidere oltre alla chiusura temporanea dei club, l’annullamento di tutte le regate programmate nel mese di aprile, anche quelle successive alla data del 3 aprile, come prevede il “Decreto della Presidenza dei ministri dell’8 marzo” e in accordo con la Federazione Italiana Vela, che in queste settimane supporta gli affiliati dando indicazioni per quanto riguarda le attività sportive dei propri atleti. Salta così l’evento clou, il Meeting del Garda Optimist, classico appuntamento pasquale che ormai da 37 anni richiama oltre 1000 timonieri provenienti da almeno 30 paesi e che quest’anno, con il mondiale Optimist in casa a luglio, aveva registrato un numero record di pre-iscrizioni. La Fraglia Vela Riva è costretta così a spostare per la prima volta della storia proprio quell’evento programmato da anni nella settimana di Pasqua, che ha sempre garantito un importante indotto per tutto il territorio con una sicurezza in termini di presenze, a prescindere dalle condizioni meteo, che in alcune Pasque è stato anche pessimo. Il fitto calendario per l’avvio della stagione velica del Garda Trentino deve rinunciare quindi ad alcuni eventi diventati ormai storici e da anni in calendario nelle settimane adiacenti alle vacanze pasquali: il Circolo Vela Torbole rinuncia al Meeting della classe Europa (4-6 aprile) così pure ad una regata della classe 420 tedesca (15-18 aprile) e l’Alpen Cup (23-25 aprile), dopo aver già cancellato la regata Finn prevista il 13-15 marzo. Il Circolo Vela Arco cancella la sua Easter Regatta riservata alla classe 29er e la Fraglia Vela Riva dopo la cancellazione del Meeting Optimist (9-12 aprile) fa saltare anche una regata Optimist di selezione per la Svizzera (15-18 aprile) e la Yachting Rus Cup (26-30 aprile), riservata ad equipaggi russi, che ormai da tre anni frequentano con entusiasmo il circolo rivano per eventi a loro dedicati. Una situazione sicuramente preoccupante anche dal punto di vista economico così come lo è per tutto il Paese, ma che non ha fatto perdere la voglia da parte di tutti i Presidenti dei Circoli, compresi Circolo Surf Torbole a Lega Navale Italiana di Riva del Garda che hanno in calendario l’inizio dell’attività a maggio, di impegnarsi insieme per capire se c’è qualche possibilità di rimodulare il calendario e recuperare per quanto possibile gli eventi, in base anche all’evoluzione dell’emergenza sanitaria in atto sul territorio italiano e non solo. 
Per chi è abituato a vivere all’aria aperta in una disciplina che dà un forte senso di libertà come la vela e il windsurf è certamente difficile accettare tutto questo, ma altrettanto necessario farlo per poter ripartire presto con ancora più entusiasmo, apprezzando una volta di più il territorio del Garda Trentino, che da decenni offre le sue meravigliose condizioni meteo per gli appassionati degli sport acquatici, creando una vera e propria comunità internazionale che ha nell’Alto Garda e nei Circoli che lo animano, un vero e proprio punto di riferimento per le attività sportive, agonistiche e di training; un luogo dove l’eccellenza si esprime ai massimi livelli e che dopo queste difficili settimane dovrà dare la forza di ripartire con ancora più energia, godendo delle meraviglie naturali, che ci sono offerte.
photo credit: Elena Giolai©

CIRCOLO VELA ARCO - PRONTI !

Vi informiamo con grande gioia che il circolo è pronto .....

All boats in the water !

 

OLIMPIC GAMES 2020

THE INTERNATIONAL OLYMPIC COMMITTEE (IOC) EXECUTIVE BOARD (EB) TODAY EXPRESSED ITS FULL COMMITMENT TO THE SUCCESS OF THE OLYMPIC GAMES TOKYO 2020, TAKING PLACE FROM 24 JULY TO 9 AUGUST 2020.  

The IOC EB heard a report on all the measures taken so far to address the coronavirus situation, which was followed by a comprehensive discussion. 

A joint task force had already been created in mid-February, involving the IOC, Tokyo 2020, the host city of Tokyo, the government of Japan and the World Health Organization (WHO). The IOC EB appreciates and supports the measures being taken, which constitute an important part of Tokyo’s plans to host safe and secure Games. 

The IOC will continue to follow the advice of WHO, as the leading United Nations agency on this topic. The IOC EB expressed its thanks to WHO for its continued valuable advice and cooperation. 

It also praised the great unity and solidarity of the athletes, National Olympic Committees, International Federations and governments. It welcomed their close collaboration and flexibility with regard to the preparations for the Games, and particularly the qualification events. All stakeholders continue to work closely together to address the challenges of the coronavirus.

The IOC EB encourages all athletes to continue to prepare for the Olympic Games Tokyo 2020. The IOC will keep supporting the athletes by providing the latest information and developments, which are accessible for athletes worldwide on the Athlete365 website.

 
 

RS Aero & 29er

RS Aero e 29er ad Arco
 
Week end avaro di vento per la regata RS Aero e 29er disputata al Circolo Vela Arco in condizioni di tempo assai variabile e di conseguenza non con il consueto vento teso che il Garda Trentino ha abituato ormai tutti i velisti.In ogni caso il Comitato di Regata è riuscito a fare il possibile sfruttando i pochi momenti di vento sufficientemente stabile: due prove per i 29er e una per la neo-classe RS Aero, costituita proprio al Circolo Vela Arco sabato sera alla presenza di molte autorità della vela nazionale e federale. In gara per il Circolo Vela Arco nella classe RS Aero, adatta a chi cerca un’alternativa agli attuali singoli, il giovanissimo Filippo Michelotto, quinto assoluto e primo under 18. Filippo proviene dall’attività sull’Open skiff con la squadra CVArco. Vincitore dell’unica prova disputata Marco Avolio (Tognazzi Marine Village) seguito dai compagni di circolo Carlo Valeri e Giulio Sirolli. Primo posto femminile all’italiana Lucilla Less. In regata 5 nazioni.
Vittoria francese nei 29er con l’equipaggio Thoisy-Kennish, che con un quarto e un primo ha preceduto gli sloveni Verderber-Cante (1-8); terzo l’equipaggio femminile della Fraglia Vela Peschiera Zancan-D’Ambrosa (5-9). La regata più che zonale è stata internazionale, considerate le 5 nazioni presenti; quest’anno l’Alto Garda è uno dei pochi posti in cui l’attivià agonistica è ripresa con una certa vivacità grazie alle dovute attenzioni e seguendo tutti i protocolli sia federali, che provinciali: molti atleti stranieri trovanocosì  l’occasione per disputare qualche regata che altrimenti non riuscirebbero a fare. I mesi prossimi infatti, tra settembre e ottobre, le gare proseguono in maniera ancora più serrata cercando di recuperare quei mesi in cui si è dovuti forzatamente restare a casa. Al CircoloVela Arco, impegnato in questi giorni (fino a giovedì 3 settembre) con la Coppa Primavela Optimist insieme ai circoli del Consorzio Garda Trentino Vela, torneranno le regate a metà mese con la Foiling Week, per poi proseguire con il Campionato italiano e svizzero Dart 18, nonchè il Tornado Arco Trophy, tutte classi in cui la velocità è protagonista.
 
 
 

VIDEO: https://youtu.be/YhsllOnd4fs

 




         

DAL 15 GIUGNO IL CIRCOLO VELA ARCO INIZIA I CORSI DI SCUOLA VELA

QUESTA SETTIMANA OSPITI ECCELLENTI CON GLI ALLENAMENTI DELLE SQUADRE OLIMPICHE FIV LASER E 49er, CHE RIPARTONO CON LA PROGRAMMAZIONE TECNICA COLLEGIALE
Mai come quest’anno l’ambiente in cui ha sede il Circolo Vela Arco è diventato prezioso e invidiato da molti: gli spazi che lo distinguono, in una sorta di “camping style”  con l'ampio prato verde e le strutture semi-mobili, danno una volta di più una sensazione di grande libertà, che potrà essere assaporata da tutti i soci e quei bambini e ragazzi che dal 15 giugno inizieranno a frequentare i corsi di vela FIV.
Con il progetto “ritrova la bussola” promosso dalla Federazione Italiana Vela, l’estate 2020 sembra essere quella più adatta allo sport della vela, a questo punto irrinunciabile nel paradiso del vento e della natura quale è il Garda Trentino. Il Circolo Vela Arco organizzerà come di consueto la scuola vela, che sarà suddivisa in due gruppi: dai 7 ai 12 anni e dai 13 ai 17. I corsi si svolgeranno naturalmente secondo tutti i protocolli suggeriti dal Governo e dalla Federazione Italiana Vela, applicando le normative vigenti, con istruttori federali, che intratterranno i partecipanti dal lunedi al venerdì dalle 9 alle 16.
In questi giorni intanto l’eccellenza della vela Olimpica abita al Circolo Vela Arco con i primi allenamenti ufficiali organizzati dalla Federazione Italiana Vela per alcune squadre nazionali: il Garda Trentino e il Circolo Vela Arco sono stati scelti dalle squadre olimpiche Laser e 49er per una serie di allenamenti che di fatto segnano l’inizio dell’era post lockdown verso Tokyo. Per gli allievi della scuola vela, ma anche per tutti quelli delle squadre agonistiche Optimist e Open Skiff del Circolo vela Arco, una bella occasione per osservare da vicino i campioni in allenamento!
 
 

REGATA NAZIONALE 29er, NACRA 15 e 49er FX

Boom di partecipanti sul Garda Trentino nella classe 29er: 60 equipaggi da 8 nazioni
Le arcensi Bellomi-Conti in testa nella classifica femminile 29er, dominata in assoluto dai fratelli maltesi Schultheis
Arco Lido (TN) - Giornata molto intensa sul Garda Trentino per il centinaio di equipaggi impegnati da oggi martedi 28 a giovedi 30 luglio alla Regata Nazionale delle classi giovanili veloci 29er e Nacra 15, nonchè olimpica 49er FX.Organizzata dal Circolo Vela Arco su delega della Federazione Italiana Vela la manifestazione sta avendo un risultato inaspettato a livello di partecipazione, considerati i 60 equipaggi della sola classe 29er, tra cui diversi stranieri con Malta, Austria, Germania, Repubblica Ceka, Olanda, Svezia, Polonia. Essendo la prima regata nazionale della stagione in particolar modo la classe 29er  si è presentata con equipaggi eterogenei e tanta voglia di gareggiare; in questa prima giornata in cui il vento da sud è oscillato dai 12 ai 16-18 nodi la fatica si è fatta sentire dopo le quattro regate disputate. E' stata una giornata impegnativa anche per lo staff del Circolo Vela Arco, che per la prima volta ha usato contemporaneamente sei boe elettriche per gestire il campo di regata sia dei 29er e Nacra, che degli olimpici 49er FX femminili. 
Interessante il posizionamento soprattutto del cancello di poppa, che con il precedente brandeggio della cima dava spesso problemi di restringimento e allargamento tra le due boe, creando problemi non indifferenti nella gestione dell'allineamento; problema che è stato brillantemente risolto con le boe elettriche, che anche in questa occasione hanno mantenuto la posizione di “ ancoraggio GPS” dato dimostrandosi davvero una soluzione ideale per un campo di regata preciso. 
Le regate
Si sono ripresentati sul Garda Trentino dopo tanti anni in Optimist e già un paio di stagioni in 29er i fratelli maltesi Schultheis, che già nel primo giorno hanno piazzato una sequenza di ottimi parziali: Antonia, con a prua Ole Ulrich, è in testa dopo due primi, un secondo e un tredicesimo, scartato con l’inserimento della quarta regata. Segue il fratello minore Richards, con a prua Max Koerner, che dopo due terzi e un quarto ha vinto l’ultima prova di giornata. Al terzo posto il primo equipaggio italiano con Gaia Bergonzini e Tommaso Ciaglia, un po’ altalenanti (7-2-3-14). Buone notizie per il Circolo Vela Arco, da sempre concentrato nell’attività giovanile 29er, che segue all’Open Skiff come età: l’equipaggio di casa formato da Malika Bellomi con a prua Beatrice Conti, è primo nella classifica provvisoria femminile (settimo assoluto). Tre prove disputate per la classe 49er FX (doppio olimpico femminile): in testa Jana Germani e Giorgia Bertuzzi, sebbene in parità con la portacolori del Circolo Vela Arco Margherita Porro, con a prua Sveva Carraro. Terze Passamonti-Fava, ad 1 solo punto di distacco. Dominio del Circolo 3V nella classe mista Nacra 15 (propedeutica all’olimpico foil Nacra 17): tre equipaggi infatti occupano le prime tre posizioni con primi Sepe-Romeo, seguiti da Centrone-Passoni, terzi Ruggiano-Vigorito. La regata è stata tracciata con i GPS a bordo, grazie ai quali è stato possibile registrare non solo il percorso della regata per ogni saingolo concorrente, ma anche la velocità massima raggiunta. Nella classe 29er top speed per Antonia Schultheis con 20.02 nodi. Nei 49er FX top speed per Alexandra Stalder con 18.86, ma rientrati prima rispetto al 29er e probabilmente registrato in condizioni di vento minore. 20.70 la velocità massima registrata invece nei Nacra 15 da Harto Hirsch.
Didascalie: in 29er (vela arancio) Bellomi-Conti in azione
Partenza Nacra
Vela profilo azzurro: Margherita Porro in azione sull’olimpico 49er FX
photo credit: Emilio Santinelli©
NOTE: Comitato di Regata
Presidente Antonio Micillo
Luca Babini
Eros Angeli
Walter D’Auria
Paolo Ceschini

Vittoria confermata del maltese Schultheis alla regata nazionale 29er;

primi degli italiani, secondi assoluti, i baresi Corrado-Catalano
Sorpasso finale per la vittoria sia nei 29er femminili, che Nacra 15 rispettivamente delle arcensi Agata Scalmazzi con a prua Giulia Vezzoli e dei laziali Giulia Sepe-Federico Romeo.
Al Circolo Vela Arco dal 7 al 9 agosto Optimist per la classica “Ora Cup Ora"
Finale con proteste tra i primi 5 alla regata nazionale 29er e Nacra conclusa oggi giovedì 30 luglio al Circolo Vela Arco, manifestazione che ha visto ancora una volta una buona risposta e partecipazione estera nonostante il momento particolare,organizzata dal circolo presieduto da Carlo Pompili su delega della Federazione Italiana Vela. Il primo appuntamento della stagione per la vivace e sempre più partecipata classe 29er, che ormai per molti velisti rappresenta direttamente il “dopo Optimist”, si è risolto dopo 10 belle, impegnative nonchè varie, regate, giocate con vento sia da sud che da nord, con intensità altrettanto variabile (dagli 8 ai 18 nodi). 
29er
La classifica generale finale ha visto la conferma delle prime tre posizioni della classifica generale con vittoria netta (22 punti di distacco) del maltese Richard Schultheis (ai vertici delle classifiche Campionati Europei e Mondiali Optimist fino a due anni fa) con a prua Max Koerner; secondo posto confermato dei baresi Marco Corrado e Matteo Catalano (CV Bari) e terza la sorella di Richard, Antonia Schultheis e Ole Ulrich. Colpo di scena giocato in casa per la classifica finale femminile tra i due equipaggi portacolori del Circolo Vela Arco, che si sono dati battaglia fino all’ultima prova: sorpasso di Agata Scalmazzi e Giulia Vezzoli, risalite in classifica generale fino alla dodicesima posizione grazie anche ad un ottimo secondo posto nell’ultima prova, che ha permesso il sorpasso ai danni delle compagne di squadra Bellomi-Conti, tredicesime assolute e finite a 8 punti dalle avversarie. terzo posto per Gaia Falco con a prua Emilia D'Orazio
Nacra 15
Nel catamarano doppio misto Nacra 15 (olimpico giovanile) nuovo scambio di posizioni al vertice e vittoria finale per Giulia Sepe con a prua Federico Romeo, che giovedì dopo una partenza anticipata e conseguente squalifica, si sono riscattati con un primo e un secondo, aggiudicandosi la classifica finale con due punti di vantaggio sugli avversari Centrone-Passoni. Terzo posto  per i compagni di circolo (3V) Ruggiano-Vigorito.
Settimana prossima in programma sempre al Circolo Vela Arco uno degli appuntamenti più importanti della stagione: dal 7 al 9 agosto si svolgerà la regata Optimist “Ora Cup “Ora”, solitamente con 500 regatanti, ma quest’anno limitata al numero massimo di 380. Grande soddisfazione per la tenuta delle boe elettriche, che per la prima volta sono state usate nel cancello di poppa e nel numero considerevole di sei; il progetto realizzato grazie al Consorzio Garda Trentino Vela si sta rivelando positivo non solo per una svolta green, ma per la precisione in cui si riesce a posizionare il campo di regata, precedentemente soggetto al brandeggio delle cime di ancoraggio, che arrivava anche fino ad 80 metri di spostamento laterale.
LINK utili:
VIDEO 360° DALLA BOA DI BOLINA: https://youtu.be/go2hxetEJbY

 

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist

Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre 
Edizione della Ora Cup Ora, regata Optimist organizzata dal Circolo Vela Arco su delega della Federazione Italiana Vela dal numero forzatamente minore rispetto alle scorse manifestazioni, che avevano raggiunto il record di 600 iscritti. Per seguire le normative in vigore anti Covid infatti è stato necessario mettere un numero chiuso di iscritti deciso in 240 juniores e 50 cadetti, in accordo con la regata “gemella” che si disputerà la settimana prossima a Malcesine,
che ha adottato la stessa scelta. Soluzione che calcolando coach, familiari, addetti ai lavori e soci del circolo ha permesso di mantenere il numero di persone nell’area del Circolo Vela Arco minore alle 1000, così come indicato dalle linee guida. Con questa limitazione nelle settimane scorse è stata una corsa all’iscrizione on line e la partecipazione straniera è risultata notevole: 12 nazioni con più della metà dei partecipanti nella categoria juniores proveniente dall’estero.
La regata, in programma da venerdì 7 a domenica 9 agosto, ha avuto una prima giornata di gare a dir poco perfetta con sole e vento da sud medio-leggero, che ha raggiunto al massimo 10-12 nodi, agevolando tutti i livelli dei partecipanti, anche chi è alle prime esperienze di regata. Tre le prove disputate in veloce successione per le tre batterie della categoria juniores e l’unico raggruppamento dei pre-agonisti/cadetti. Tra i più grandi (11-15 anni) in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo (LNI Napoli), che con un 2-1-4, precede di 3 punti l’ungherese Vevente Borda (6-2-2). Al terzo posto provvisorio il romano del Tognazzi Village Alessandro Cirinei, ad un solo punto dal secondo. Parità invece tra i primi tre pre-agonisti/cadetti (9-10 anni): Mattia Benamati (5-1-1, FVMalcesine), lo svizzero Edward Hirsch (1-2-4) e il tedesco Cassian (2-3-2) che hanno accumulato 7 punti nelle tre prove disputate. Prima femmina la tedesca Johanna Brinkmann (4-4-5), quinta assoluta, mentre al secondo e terzo posto femminile due figlie d’arte, rispettivamente la rivana Sofia Gisele Berteotti (papà Mauro è allenatore Optimist della Fraglia Vela Riva) e Bianca Marchesini (papà Michele direttore tecnico FIV e mamma Manuela olimpica nel 470). Ancora segnali positivi dall’uso delle boe elettriche fornite grazie al nuovo consorzio Garda Trentino Vela ai circoli dell’Alto Garda, tra cui il Circolo Vela Arco, che per questa regata ha installato i motori elettrici sulle prue delle pilotine sia in partenza che arrivo; anche per questa regata dunque stop a corpi morti e cime vegetali, lasciati sul fondale. Sabato e domenica ancora regate con previsioni meteo assai positive, che fanno presagire un proseguimento regolare della manifestazione, da ben 25 anni la regata estiva di riferimento per la classe Optimist  sul Garda Trentino.
Video bolina batteria verdehttps://youtu.be/AGvM-agMaT8

Un bel vento da nord teso regala un’ultima stupenda giornata alla 25^ Ora Cup Ora Optimist

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine.
Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann.

Bella conclusione della 25^ Ora Cup Ora,
manifestazione velica della classe giovanile Optimist riconosciuta dalla Federazione Italiana Vela, che ha visto dimezzata la partecipazione per rimanere ligi alle normative in vigore (numero chiuso iscritti a 290 totali), ma che è stata ugualmente una festa della vela per i quasi 300 giovani velisti arrivati da tutta Italia e da mezza Europa con 12 nazioni presenti. Soddisfazione da parte degli organizzatori del Circolo Vela Arco, che nella terza ed ultima giornata si sono attivati la mattina presto insieme a Comitato di regata e Giuria per poter sfruttare il vento da nord mattutino e chiudere la manifestazione in bellezza, regatando dalle 8 alle 12:00. Non è mancato infatti il consueto vento che dalle è soffiato con vigore fino ai 16 nodi ed è durato così come si era visto sabato molto più a lungo del solito, permettendo di disputare per tutte le flotte ulteriori 3 regate, portandole a nove totali. Per quanto riguarda le manifestazioni sul Garda Trentino si è trattato della prima regata Optimist Internazionale, che ha avviato la nutrita serie che proseguirà fino a novembre con la Halloween Cup.
Dopo le prime sei regate disputate venerdì e sabato la flotta juniores è stata divisa per le finali in programma domenica con i migliori 80 della classifica generale riuniti nella flotta “gold”, e via via proseguendo per le restanti flotte silver e bronze. I migliori dunque si sono trovati dopo due giorni che ruotavano in batterie differenti, faccia a faccia con condizioni di vento decisamente diverse rispetto ai primi due giorni: vento più forte da nord e acqua più piatta; condizioni che in alcuni casi hanno rimescolato la classifica, permettendo ad alcuni di risalire tra i primi posti del podio. Il britannico - campione nazionale 2019 - Santiago Sesto Cosby con le ultime due vittorie parziali non ha avuto problemi ad imporsi nella categoria juniores, infliggendo 9 punti al locale Lorenzo Ghirotti (Fraglia Vela Riva), abbastanza regolare per tutte e 9 le prove. Terzo il laziale Quan Adriano Cardi (LNI Ostia), mentre al quarto posto e prima femmina, la napoletana Ginevra Caracciolo (LNI Napoli) molto alterna nei parizlali. La classifica femminile è stata completata da Federica Contardi (Tognazzi Marine Village) e dalla più giovane Gaia Zinali (CV Antignano). Tra i più piccoli cadetti (9-10 anni) non ha avuto avversari il portacolori della Fraglia Vela Malcesine Mattia Benamati, che ha realizzato ben sei vittorie su 9 prove. Risalito al secondo posto Artur Brighenti (CN Brenzone), a suo agio con vento più teso, considerando l’1-2 delle ultime due regate e terzo lo svizzero Hirsch, ad un solo punto. Evidentemente abituata al vento da nord bello sostenuto di casa sua, la rivana Sofia Gisele Berteotti (Fraglia Vela Riva), che nell’ultima giornata con un 3-20-3 è riuscita a sorpassare la tedesca Brinkmann per 2 punti, e risalire in un’ottima quinta posizione assoluta, oltre che avere vinto tra le femmine. Terza femminile Bianca Marchesini (FV Malcesine).
Al Circolo Vela Arco l’attività prosegue ora con i corsi vela per bambini, mentre le prossime regate sono in programma a fine agosto per proseguire in settembre e ottobre.

Play list You Tube Ora Cup Ora Optimist class: https://www.youtube.com/playlist?list=PLPetnRiQi7NSx0SczaRgr4FZnpgU2Jyyl VIDEO DAY 3: https://www.youtube.com/watch?v=Fid0g-XhTFY Photo gallery: https://flic.kr/s/aHsmPT4kHf Classifica cadetti: http://www.circolovelaarco.it/images/ORA_CUP_ORA_2020/Cadetti_Day3.pdf Classifica Juniores: http://www.circolovelaarco.it/images/ORA_CUP_ORA_2020/Juniores_Day3.pdf PHOTO CREDIT: ELENA GIOLAI© aerea: Emilio Santinelli

Super Team 29er CVA alla regata nazionale di Napoli

Super Team 29er CVA alla regata nazionale di Napoli disputata nel week end del 19-21 settembre:
1° assoluto e 1° femminile per Agata Scalmazzi e Giulia Vezzoli
3° assoluto e 2° femminile Elena Prandi e Sophie Fontanesi
6° Malika Bellomi-Beatrice Conti
Dodici belle regate disputate in condizioni di vento medio-leggero e 32 equipaggi al via alla seconda regata nazionale 29er della stagione, ottimamente organizzata a Napoli dal Circolo del Remo e della Vela Italia e ottima performance del nostro team gestito dal coach Lorenzo Bianchini, che ha così commentato la trasferta:"Sono molto contento del risultato, soprattutto dei nuovi equipaggi come quello di Prandi-Fontanesi e Bellomi-Conti; un bel segnale dato che era la prima volta che regatavano al mare. Il prossimo appuntamento è il Campionato Italiano Doppi FIV a Punta Ala, dall'8 al 10 ottobre".
 

Un oro mondiale Nacra 17 con…amore!

La vittoria di Vittorio Bissaro e Maelle Frascari passa anche dal Circolo Vela Arco: vediamo perché…
Vittorio Bissaro, socio del Circolo Vela Arco e marito di Giulia Bocca, la nostra responsabile della scuola vela Optimist e Open Skiff, ha dedicato l’oro mondiale vinto sul Nacra 17 ad Auckland -Nuova Zelanda con a prua Maelle Frascari-, proprio alla moglie Giulia.Grande felicità di tutto il popolo della vela in questi giorni dopo questa magnifica vittoria, che naturalmente ha riempito di gioia anche tutto lo staff del Circolo Vela Arco e gli amici di Giulia e Vittorio. Questa vittoria la dedico a Giulia, mia moglie, perchè mentre io giro il mondo e vivo queste emozioni fortissime, insieme a Maelle, lei dietro le quinte mi dà sempre un grande supporto, accetta il mio mestiere, e sono sicuro che non è una cosa facile. E' stata importante: in un momento difficile durante questo campionato avevo bisogno di un supporto e lei è riuscita a darmelo, dandomi quella energia e quella lucidità in più, che mi hanno permesso di tenere botta fino alla fine e portare a casa questa bellissima vittoria."- ha dichiarato Vittorio alla fine di una medal race, che finalmente ha potuto liberare quella concentrazione durata tutto il difficilissimo campionato. Una bella storia di vela e di vita, che ci rende particolarmente felici per il significato dato dallo stesso Vittorio a questa medaglia, ad un anno da Tokyo 2020, che va oltre la preparazione e la performance puramente tecnica. Congratulazioni dunque ai neo Campioni del Mondo e a Giulia, che ha avuto un ruolo fondamentale in questa incredibile impresa! 
Ma la scorsa settimana la Nuova Zelanda è stata particolarmente vicina all’Italia e al Circolo Vela Arco, che ha schierato oltre a Vittorio anche Margherita Porro, entrata in Gold Fleet nei 49er FX dopo un solo anno su questa barca (con a prua Sveva Carraro), e concludendo ad un onorevolissimo 25° posto. Bravissimi tutti!
Elena Giolai©CVArco
Margherita Porro in finale ai Mondiali 49er FX di Auckland!

Margherita Porro in finale ai Mondiali 49er FX di Auckland!

Anche il Circolo Vela Arco in questi giorni è rappresentato in Nuova Zelanda ai Mondiali delle classi Olimpiche più acrobatiche e veloci in assoluto per Tokyo 2020, ossia il 49er e Nacra17. Ad Auckland infatti nei 49er FX c'è Margherita Porro, che con Sveva Carraro (Aeronautica Militare) è riuscita ad accedere alla Gold fleet dopo le 8 regate di qualifica. "Siamo super contente di essere entrate nella Gold Fleet, anche perchè essendo il nostro primo anno ci sembrava un obiettivo quasi irraggiungibile, invece ce l'abbiamo fatta! E' stata molto dura, fino all'ultimo, sono state tutte regate nelle quali anche la singola posizione guadagnata all'arrivo contava e poteva essere decisiva. E' andata bene e il primo obiettivo è centrato. Adesso in Finale si apre un altro capitolo della nostra regata, in cui non abbiamo niente da perdere ma solo da guadagnare e da imparare dalle migliori" ha dichiarato Margherita dopo essere riuscita a conquistare la prima metà della classifica generale e quindi di diritto alle finali. Ora i tre equipaggi italiani entrati in Gold fleet (insieme a Margherita anche l'equipaggio Stalder-Speri e Omari-Distefano) dovranno dare il massimo per provare a qualificare la propria nazione nei 6 posti ancora disponibili per TOKYO 2020.
Tutto il Circolo Vela Arco tifa naturalmente ITALIA https://static.xx.fbcdn.net/images/emoji.php/v9/fb9/1/16/1f1ee_1f1f9.png); background-size: 16px; height: 16px; width: 16px; background-position: 50% 50%; background-repeat: no-repeat no-repeat;">🇮🇹!
Marco Misseroni secondo alla 29er Eurocup di Riva del Garda, a prua dello statunitense Baker.

Marco Misseroni secondo alla 29er Eurocup di Riva del Garda, a prua dello statunitense Baker.

Marco Misseroni secondo alla 29er Eurocup di Riva del Garda, a prua dello statunitense Baker
Le sorelle Giunchiglia (allenate dal ns coach Lorenzo Bianchini) seconde. In Gold Fleet Scalmazzi-Vezzoli, al primo anno in 29er.
Il guidone del Circolo Vela Arco sul podio dell’ultima tappa della 29er Eurocup, disputata alla Fraglia vela Riva dal 23 al 26 ottobre: un gran finale di tappa ha riservato qualche sorpresa per i colori italiani e per quelli in particolare dell'arcense Marco Misseroni, che a prua dello statunitense Baker ha fatto una Eurocup in continua rimonta, fino a conquistare il secondo gradino del podio. Si sono confermati primi i norvegesi -già campioni del mondo giovanili -Mathias Berthet e Alexander Franks-Penty, che con un 4-1-2-1 hanno stravinto, lasciando ben 28 punti all’equipaggio per metà americano con il vincitore del Meeting Optimist di un paio di anni fa Stephan Baker con a prua il nostro atleta Misseroni. L’insolito equipaggio ha condotto regate in costante crescita fino a concludere al secondo posto finale grazie ad un 7-1-5 realizzati nell’ultima giornata di sabato, che gli hanno permesso di superare i danesi Dehn-Toftehøj-Fugbjerg, 4 punti dietro e quindi terzi.
Per quanto riguarda la categoria femminile indiscussa vittoria delle tedesche Krapp-Borlinghaus e ottimo secondo posto delle sicilane Sofia e Marta Giunchiglia, ventiquattresime assolute e allenate dal coach CVArco Lorenzo Bianchini. bene anche le giovani Scalmazzi-Vezzoli, entrate in gold fleet al loro primo anno in 29er.
Open skiff

Open skiff

Per la squadra Open Skiff Circolo Vela Arco finita anche l’ultima regata del circuito interzonale del Nord!disputata all’Associazione Nautica Sebina (lago d’Iseo)! 

 

Ottimi risultati di fine stagione con la vittoria dei fratelli Filippo e Riccardo Michelotti primo rispettivamente nell’u17 e negli U13; bravissimo anche Francesco Simonetti, che fino all’ultima prova era davanti al compagno di squadra Riccardo, ma l’esperienza ha avuto la meglio, e ha cosi finito secondo in generale, alla sua sola terza regata! Eribea Canavizzi ha vinto nella categoria femminile e terza assoluta nella classifica u13; bravi anche Nina Tripepi e Massimo Zeri che nell’ultima prova ha realizzato un secondo finendo 7º in generale. 
Negli U17 primo Filippo Michelotti, 5º Giovanni Morandini, seguito dal compagno di squadra Jacopo Ricci. Complimenti anche a Marco Milosavljevic, che con delle ottime partenze ha fatto vedere il suo valore di velista!
Nella Ranking list del circuito del Nord vince Filippo Michelotti, terzo assoluto Davide Gaiotto, che non poteva esserci in questa regata cosi Marco ha ritirato il premio per lui, e 5º assoluto Jacopo Ricci. Negli u13 Riccardo in testa alla classifica generale, ed Eribea Canavizzi al primo posto della classifica femminile. 

Un fine stagione davvero pieno di soddisfazioni da parte dei ragazzi, premiati giustamente per tutti gli sforzi e l’impegno di quest’anno, e anche da parte del Coach Pietro Bortolussi, che vede una squadra pronta al prossimo anno e molto unita. Nel 2020 ci saranno molti cambiamenti, un cambio vela per i più piccoli, che passeranno a quella più grande e molto più potente: ci si preparerà adeguatamente a questo cambio iniziando fin da subito ad usare e provare le nuove vele. Con il campionato del mondo in Sardegna il prossimo anno bisogna prepararsi al meglio!

BARCOLANA è donna; Barcolana è CVArco con Margherita Porro

BARCOLANA è donna; Barcolana è CVArco con Margherita Porro

La portacolori del Circolo Vela Arco Margherita Porro ottava assoluta e seconda di categoria alla Barcolana di Trieste
A bordo del 90’ Golfo di Trieste Wind of Change, con altre veliste di eccellenza  ha portato alto il guidone del Circolo Vela Arco tra 2015 imbarcazioni iscritte
L’atleta del Circolo Vela Arco Margherita Porro (campionessa mondiale World Sailing classe 29er con Sofia Leoni nel 2017) ha conquistato l'ottavo posto assoluto (e secondo di categoria “N-Mega Yacht”) alla 51^ Barcolana (2015 iscritti), a bordo con le altre ragazze di Golfo di Trieste - Wind of change.Un'edizione di Barcolana senza vento, che ha visto tra i primi sul traguardo scafi meno oceanici e adatti alle ariette del golfo triestino. Dopo una partenza in cui non venivano quasi mai nominate nella diretta RAI, perchè rimaste nella piatta più totale, le ragazze hanno ben recuperato concludendo ad un ottimo ottavo posto a chiusura di una regata faticosa e stressante.Al di là del risultato Margherita ha avuto l'occasione di navigare con altre grandissime della vela internazionale in una regata, che è più una festa del mare che altro; e il Circolo Vela Arco è orgoglioso di aver avuto una sua tesserata a bordo di una barca così titolata con campionesse della classe Olimpica, monotipo e oceaniche. Con Margherita la skipper Francesca Clapcich e un gruppo di atlete e veliste fenomenali, come Sally Barkow al timone, Giulia Conti alla tattica, e le altre azzurre Maelle Frascari, Cecilia Zorzi (Nacra 17), Francesca Bergamo (FX), la campionessa J70 Claudia Rossi, l'ex 470 e ora navigatrice solitaria sui Mini 650 Francesca Komatar, e alcune fuoriclasse oceaniche come Abby Ehler, inglese ex Volvo Ocean Race su Brunel, drizzista; Libby Greenhalgh, un passato da meteorologa, due giri del mondo (Team SCA nel 2014-15, Scallywag nel 2017-18).
I colori del Circolo Vela Arco in tante classi diverse: questa volta è arrivato un titolo tricolore dal monotipo Ufo 22 grazie a MATTEO FERRAGLIA

I colori del Circolo Vela Arco in tante classi diverse: questa volta è arrivato un titolo tricolore dal monotipo Ufo 22 grazie a MATTEO FERRAGLIA

I colori del Circolo Vela Arco in tante classi diverse: questa volta è arrivato un titolo tricolore dal monotipo Ufo 22 grazie a MATTEO FERRAGLIA, che qualche settimana fa ha vinto l'italiano Ufo 22, organizzato a Torbole. Titolo conquistato a bordo con gli "Escopazzi" Carlo Fracassoli, Andrea Venturini, Nicola Girard. Questo week end Matteo sarà ancora al timone di un monotipo, questa volta quello del J70 Tinnj70 di Cesare Gabasio: a Sanremo si chiuderà infatti la stagione J70. Tutti a tifare Matteo!

Barcolana è donna; Barcolana è CVArco con Margherita Porro

Barcolana è donna; Barcolana è CVArco con Margherita Porro

La grande novità della B51 saranno le ragazze, l'equipaggio tutto femminile sul 90 piedi primo Alfa Romeo, poi Rambler,  poi La Bete, vincitore di due Barcolane (2003 e 2004), per questa edizione "Wind of change"-Golfo di Trieste, per sottolineare la voglia di essere una novità che lascia il segno. A bordo tutte donne e tutte campionesse: chi nella Volvo Ocean Race, chi nel match race, chi nelle classi olimpiche e giovanili. Ma a bordo c’è anche chi rappresenta il Circolo Vela Arco: Margherita Porro! Margherita sarà con la skipper Francesca Clapcich e un gruppo di atlete e veliste fenomenali, tra Sally Barkow al timone, Giulia Conti alla tattica, e le altre azzurre Maelle Frascari, Cecilia Zorzi (Nacra 17), Francesca Bergamo (FX), la campionessa one design Claudia Rossi, l'ex 470 e ora navigatrice solitaria sui Mini 650 Francesca Komatar, e alcune fuoriclasse oceaniche come Abby Ehler, inglese ex Volvo Ocean Race su Brunel, drizzista; Libby Greenhalgh, un passato da meteorologa, due giri del mondo (Team SCA nel 2014-15, Scallywag nel 2017-18). Una Barcolana dunque molto speciale per la nostra Margherita, che ha l’opportunità di vivere un’esperienza unica.
Ranking Open Skiff 2019 a Rimini

Ranking Open Skiff 2019 a Rimini

Per il Circolo Vela Arco due secondi (U17 e U13) e un terzo femminile nella ranking finale Open Skiff 2019
A Rimini, nell’ultima tappa del Circuito Nazionale, secondo posto di Riccardo Michelotti tra gli under 13
  
Il Circolo Vela Arco si è presentato numeroso a Rimini per l'ultima tappa delle regate interzonali del circuito nazionale O’pen skiff, con la nuova squadra di “piccolini” usciti dal pre-agonismo e quindi la prima regata al mare. Una trasferta proficua con condizioni di ogni tipo in tre giorni di regate e di divertimento per tutti i ragazzi.Dopo un nulla di fatto della prima giornata per onde, corrente e assenza di vento, il secondo giorno la giuria ha anticipato l’uscita in acqua alle 10, facendo completare due prove con vento leggero da terra e con salti di oltre 30 gradi. Nel pomeriggio altre due prove con vento attorno ai 6 nodi da est hanno permesso a Riccardo Michelotti, tra gli udner 13, di riscattarsi di una squalifica per una prova di freestyle e risalire la classifica fino al secondo posto. Bene anche il fratello Filippo, che è riuscito a rimanere nei primi 10 della classifica. Altrettanto bene anche i “piccoli” negli U13 con Francesco Simonetti 5° nella sua seconda regata della vita, brava anche Eribea Letizia Canavizzi, che nel giorno del suo compleanno è finita 15^ assoluta e seconda femmina, Massimo Zeri 25°, Leonardo Tosi  33° e la piccola Nina Tripepi 41^. Negli u17 Jacopo Ricci  17° seguito da Giovanni Morandini  18°be Marco Milosavljevic 25°.
Con questa regata si è conclusa anche la Ranking list, con il Circolo Vela Arco che conquista 3 Trofei: 
- secondo assoluto u17 di Filippo Michelotti
- secondo assoluto u13 di Riccardo Michelotti
- terza femmina U17 Beatrice Conti
 
Un anno di regate è finito, la squadra Open skiff del circolo si è ingrandita dato che da quattro ragazzi si è arrivati anche a 11, tutti con la stessa passione e con lo stesso obbiettivo, divertirsi e portare il nome del circolo vela Arco sul podio con loro. 
Il prossimo appuntamento è all’Associazione Nautica Sebina sul lago di Iseo tra due settimane per la tappa conclusiva del circuito zonale, che vedrà i primi selezionati per la Coppa dei Campioni!
PHOTO GALLERY: https://bit.ly/2oVwwts 

GERMAN A-CAT OPEN CHAMPIONSHIP 2019

Al Circolo si è disputato il Campionato tedesco Classe A Open: sul Garda Trentino vittoria del “solito” olandese volante Misha Heemkerk
Su 50 barche solo 8 non foil
 
A-Cat German Open Championships 2019
Intanto nello stesso week end al Circolo Vela Arco, sul Garda Trentino, sono stati di scena i catamarani classe A: una cinquantina hanno dovuto affrontare le prime due giornate con condizioni piuttosto dure con vento medio-forte e onda ripida, che ha messo in difficoltà non pochi regatanti. Ancora una volta il migliore in assoluto è stato l’olandese Misha Heemkerk, che con 6 primi e due secondi ha lasciato 10 punti al secondo, il tedesco Kohlhoff, l’unico che è riuscito a battere con due vittorie parziali l’avversario olandese in regata 3 e 4. Terzo posto assoluto dello svizzero Sandro Caviezel, anche lui foil. Il primo cat classic, e quindi non foil, ha concluso al quindicesimo posto assoluto ed è stato Alberto Farnesi, sesto in regata 2, quando le condizioni erano particolarmente difficili. per quanto riguarda gli italiani i migliori sono stati nell’ordine Paolo Penco e Giovanni Fantasia, rispettivamente settimo e ottavo. Il portacolori del Circolo Vela Arco Loris Paternolli ha concluso quattordicesimo in generale.
 
PHOTO GALLERY: https://bit.ly/2oVwwts
 
NOTE:
Presidente Comitato di Regata: Piergiorgio Salvadori
membri CdR: Mauro Conti, Paolo Ceschini, Alessandra Pompili
 

CAMPIONATO EUROPEO 29er - Agosto 2019

Finale del Campionato Europeo 29er a dir poco elettrizzante: deciso negli ultimi metri il podio finale maschile
Gli azzurri, atleti del Circolo Vela Arco, Santini-Misseroni terzi categoria maschile
Italiane under 17 sul podio con argento e bronzo rispettivamente di Polverini-Di Silvio e le atlete del Circolo Vela Arco Scalmazzi-Vezzoli
 
Doppietta della Gran Bretagna in un finale in crescendo: la spuntano Wilson-Amstrong (quarti a due prove dalla fine) sull’equipaggio misto Black-Grummet. Riescono a riagguantare il terzo gradino del podio assoluto i norvegesi Berthet-Franks-Plenty a discapito degli arcensi Santini-Misseroni, che comunque conquistano il terzo gradino del podio categoria maschile
Si confermano prime femmine le tedesche Krupp-Borlinghaus
 
Lido di Arco (TN) - Finale del Campionato Europeo 29er - skiff giovanile propedeutico alle barche olimpiche 49er e Nacra 17 - a dir poco emozionante e travolgente sul Garda Trentino, con il podio deciso non solo nell’ultima prova, ma addirittura negli ultimi metri dall’arrivo. Solo chi ha saputo mantenere la mente lucida, con una parallela grande padronanza del mezzo, ha potuto dare la zampata finale per conquistare il podio e addirittura la vittoria finale. La flotta gold, con i migliori in campo in una manciata di punti, ha così dato spettacolo nell’ultima mattinata valida per assegnare le medaglie continentali nella classe giovanile 29er. Come venerdì anche sabato i concorrenti sono stati chiamati in acqua dal Comitato di Regata FIV alle 8 per iniziare le procedure di partenza con il vento da nord, che è soffiato sui 15 nodi con raffiche anche di 20. Al Circolo Vela Arco, organizzatore dell’evento su delega della Federazione Vela, ultimi sforzi di una settimana molto intensa, ma anche carica di emozioni e soddisfazioni. Dal punto di vista agonistico c’era anche la grande attesa delle due regate finali per vedere o meno i portacolori Santini-Misseroni in zona podio dopo essere risaliti fin al secondo posto assoluto a due prove dalla fine: purtroppo un finale tiratissimo, nonostante una penultima regata positiva, ha indotto all’errore i due arcensi, che hanno così perso il podio assoluto per un soffio, ma conquistato il bronzo nella categoria maschile (essendo i secondi assoluti equipaggio misto).
 
Gli inglesi hanno messo tutti gli avversari in scacco; dopo una prima fase di Campionato in cui i 48 concorrenti britannici non avevano fatto vedere grandi performance, durante le finali tutto è cambiato e di giorno in giorno in particolar modo i due equipaggi che poi hanno raggiunto i primi due gradini del podio assoluto, sono stati protagonisti di una rimonta eccezionale, che anche nell’ultimo giorno ha ribaltato le primissime posizioni. E’ così che Wilson-Armstrong, così come avevano fatto intuire dopo le regate di venerdì, sono riusciti a sbaragliare gli avversari con un secondo e un settimo finali, che li ha messi davanti a tutti, lasciando anche 3 punti di vantaggio sui connazionali Black-Grummet, primo equipaggio misto, sabato protagonista di un secondo e un nono. Performance che ha contribuito anche a vincere la Nations Cup, Trofeo per la prima nazione. I norvegesi Berthet-Franks Penty, leader nella prima fase di campionato, dopo la pessima giornata di venerdì sono tornati nel loro range con un primo e un ottavo, sufficienti per spodestare dal podio assoluto gli azzurri e portacolori del Circolo Vela Arco Zeno Biagio Santini e Marco Misseroni, e chiudere secondi della categoria maschile. Gli azzurri negli ultimi metri dall’arrivo dell’ultima prova sono stati portati dagli avversari sopravvento la linea di arrivo, costringendoli a rigirare e perdere posizioni e punti preziosi, che li hanno estromessi dal podio assoluto, ma confermati comunque ad un prestigioso bronzo della categoria maschile. Ma i podi azzurri e del Circolo vela Arco in particolare non sono finiti qui: tra i più giovani della categoria under 17 vittoria delle tedesche Schwachhofer-Stoltze, ma secondo e terzo posto delle italiane Diletta Polverini con a prua Eleonora Di Silvio (Tognazzi Marine Village) e delle portacolori del Circolo Vela Arco Agata Scalmazzi con a prua Giulia Vezzoli. Vittoria under 17 maschile dei tedeschi Neszvecsko-Koerner. Nulla è cambiato invece nella classifica femminile assoluta, rimasta uguale a venerdì con doppietta tedesca con Elena Krupp e Clara Borlinghaus e Laila Mobius con Emelie Hesse, rispettivamente prime e seconde; terze le svedesi Henriksson-Pettersson. 
 
 
Una conclusione quindi positiva anche dal punto di vista sportivo e agonistico per il Circolo vela Arco, che oltre ad aver chiuso un Campionato Europeo con il numero massimo di prove disputate, ha avuto la soddisfazione di conquistare due medaglie di bronzo grazie agli atleti locali Santini-Misseroni e Scalmazzi-Vezzoli, in un Campionato che si è rivelato agguerritissimo. 
 
Sicuramente va un plauso a tutti coloro che hanno lavorato affinchè tutto si svolgesse nel migliore dei modi sia a terra, che in acqua: moltissime persone hanno offerto la propria esperienza affinchè gli oltre 400 regatanti, coach e accompagnatori avessero il massimo dal punto di vista logistico, agonistico e naturalmente come ospitalità, sempre importantissima per chi frequenta una località turistica come il Garda Trentino e il Circolo Vela Arco.
 
 
-------------------
LINK MEDIA
 
photo gallery final series: https://flic.kr/s/aHsmGpKz1c
VIDEO final series day 2: https://youtu.be/ZSN3ioD67CU
NOTE
COMITATO DI REGATA 1
Presidente di Comitato: Carmelo Paroli
Dario Fiore Zanini
Paola Angeli
Roberto Girardi
Claudio Mara
COMITATO DI REGATA 2
Presidente di Comitato: Antonio Micillo
Paolo Ceschini
Alessandra Pompili
Gianni Belgrado
Mauro Conti         

Bronzo al CICO 2019

Margherita Porro bronzo al CICO
Il Circolo Vela Arco bronzo al CICO-Campionato Italiano Classi Olimpiche 2019 disputato dall’11 al 14 settembre, a Gargnano.
Il campionato si è disputato su 11 prove con condizioni di vento varie, dal Pelèr forte a calante, all'Ora leggera o in alcuni casi leggerissima. Il nostro equipaggio Porro-Carraro (CV Arco/ CS Aeronautica Militare) al suo primo CICO ha avuto ottimi spunti in tutte le condizioni, riuscendo a portare a casa buoni parziali e chiudendo il Campionato salendo sul podio come terzo equipaggio femminile italiano! Sintomo di una costante e armoniosa crescita.
 
E a proposito di Campionati Italiani, questa volta giovanili in doppio, da segnalare la vittoria femminile e terzo posto assoluto nel 29er delle Sorelle Giunchiglia, aggregate al Team CVA. Quarto posto assoluto e terzo maschile per Biagio Zeno Santini e Marco Misseroni, partiti bene ma poi persi un po’ per strada. A Bari anche le giovanissime Scalmazzi-Vezzoli con buoni spunti, ma troppi bfd.
 
Alessandro Siviero e Martina Giusti dominano la Dart German Open 2019

Alessandro Siviero e Martina Giusti dominano la Dart German Open 2019

Nonostante il week end complicato dal punto di vista meteo al Circolo Vela Arco si sono riuscite a disputare regoalrmente le regate delle classi Dart e Tornado, che hanno coinvolto quasi 50 equipaggi per un inizio di settembre decisamente perturbato e freddo.

 

Italia, Germania, Austria, Svizzera, Olanda, Francia e addirittura Sud Africa le nazioni partecipanti tra i multiscafi “Dart”, che sul Garda Trentino hanno visto la vittoria a dir poco netta dell’equipaggio italiano misto formato da Alessandro Siviero e Martina Giusti, imposti con sei vittorie su sei regate, lasciandosi alle spalle i tedeschi Huber-List e gli svizzeri Fehr-Fried. Podio tutto tedesco invece tra l’ex classe olimpica Tornado con Gebhardt-Luger,  Aurer-Oldenburg, Gunkel-Gunkel finiti nell’ordine.
 
Lorenzo Bianchini, con a prua il suo atleta 29er Marco Misseroni, vince la regata nazionale/Campionato tedesco Open Formula 18

Lorenzo Bianchini, con a prua il suo atleta 29er Marco Misseroni, vince la regata nazionale/Campionato tedesco Open Formula 18

Dopo 9 prove, di cui 8 disputate con vento da nord della mattina presto, si è concluso al Circolo Vela Arco il Campionato tedesco Formula 18, valido quale 5^ regata nazionale di classe.

 
 
 
La manifestazione, a parte il primo giorno, ha così sempre avuto bel vento che ha toccato anche i 15-18 nodi e si è conclusa per il meglio, con due scarti applicati sulle 9 regate fatte. Nella classifica assoluta open vittoria abbastanza netta dell’equipaggio di casa formato dal coach del Circolo Vela Arco Lorenzo Bianchini con il suo atleta solitamente in regata sul 29er (fresco bronzo ai Campionati Europei di classe), Marco Misseroni, che insieme hanno lasciato un distacco di 7 punti sugli altri italiani Radman-Cioni (CV Sunset); terzi i tedeschi, ma portacolori del Circolo organizzatore, Bob e Marc Baier. Per quanto riguarda la classifica della regata nazionale si sono inseriti al terzo posto Christian Vettori e Maurizio Stella (LNI Riva).
Il commento di Lorenzo Bianchini:”È stato bello avere Marco a bordo come prodiere: un’altra dimostrazione che il 29er è propedeutico alle imbarcazioni veloci. La cosa ha fatto squadra e Marco credo abbia imparato molto in questi tre giorni, oltre ad essersi divertito”.
Prossimo appuntamento al Circolo Vela Arco ancora con barche veloci a due scafi: dal 6 all’8 settembre sarà la volta delle regate riservate alle classi Dart e Tornado, prima di vedere dal 20 al 22 settembre i volanti Moth impegnati per il Campionato italiano.
 
Finale del Campionato Europeo 29er a dir poco elettrizzante: deciso negli ultimi metri il podio finale maschile

Finale del Campionato Europeo 29er a dir poco elettrizzante: deciso negli ultimi metri il podio finale maschile

Gli azzurri, atleti del Circolo Vela Arco, Santini-Misseroni terzi categoria maschile
Italiane under 17 sul podio con argento e bronzo rispettivamente di Polverini-Di Silvio e le atlete del Circolo Vela Arco Scalmazzi-Vezzoli
 
 
Doppietta della Gran Bretagna in un finale in crescendo: la spuntano Wilson-Amstrong (quarti a due prove dalla fine) sull’equipaggio misto Black-Grummet. Riescono a riagguantare il terzo gradino del podio assoluto i norvegesi Berthet-Franks-Plenty a discapito degli arcensi Santini-Misseroni, che comunque conquistano il terzo gradino del podio categoria maschile
Si confermano prime femmine le tedesche Krupp-Borlinghaus
Lido di Arco (TN) - Finale del Campionato Europeo 29er - skiff giovanile propedeutico alle barche olimpiche 49er e Nacra 17 - a dir poco emozionante e travolgente sul Garda Trentino, con il podio deciso non solo nell’ultima prova, ma addirittura negli ultimi metri dall’arrivo. Solo chi ha saputo mantenere la mente lucida, con una parallela grande padronanza del mezzo, ha potuto dare la zampata finale per conquistare il podio e addirittura la vittoria finale. La flotta gold, con i migliori in campo in una manciata di punti, ha così dato spettacolo nell’ultima mattinata valida per assegnare le medaglie continentali nella classe giovanile 29er. Come venerdì anche sabato i concorrenti sono stati chiamati in acqua dal Comitato di Regata FIV alle 8 per iniziare le procedure di partenza con il vento da nord, che è soffiato sui 15 nodi con raffiche anche di 20. Al Circolo Vela Arco, organizzatore dell’evento su delega della Federazione Vela, ultimi sforzi di una settimana molto intensa, ma anche carica di emozioni e soddisfazioni. Dal punto di vista agonistico c’era anche la grande attesa delle due regate finali per vedere o meno i portacolori Santini-Misseroni in zona podio dopo essere risaliti fin al secondo posto assoluto a due prove dalla fine: purtroppo un finale tiratissimo, nonostante una penultima regata positiva, ha indotto all’errore i due arcensi, che hanno così perso il podio assoluto per un soffio, ma conquistato il bronzo nella categoria maschile (essendo i secondi assoluti equipaggio misto).
Gli inglesi hanno messo tutti gli avversari in scacco; dopo una prima fase di Campionato in cui i 48 concorrenti britannici non avevano fatto vedere grandi performance, durante le finali tutto è cambiato e di giorno in giorno in particolar modo i due equipaggi che poi hanno raggiunto i primi due gradini del podio assoluto, sono stati protagonisti di una rimonta eccezionale, che anche nell’ultimo giorno ha ribaltato le primissime posizioni. E’ così che Wilson-Armstrong, così come avevano fatto intuire dopo le regate di venerdì, sono riusciti a sbaragliare gli avversari con un secondo e un settimo finali, che li ha messi davanti a tutti, lasciando anche 3 punti di vantaggio sui connazionali Black-Grummet, primo equipaggio misto, sabato protagonista di un secondo e un nono. Performance che ha contribuito anche a vincere la Nations Cup, Trofeo per la prima nazione. I norvegesi Berthet-Franks Penty, leader nella prima fase di campionato, dopo la pessima giornata di venerdì sono tornati nel loro range con un primo e un ottavo, sufficienti per spodestare dal podio assoluto gli azzurri e portacolori del Circolo Vela Arco Zeno Biagio Santini e Marco Misseroni, e chiudere secondi della categoria maschile. Gli azzurri negli ultimi metri dall’arrivo dell’ultima prova sono stati portati dagli avversari sopravvento la linea di arrivo, costringendoli a rigirare e perdere posizioni e punti preziosi, che li hanno estromessi dal podio assoluto, ma confermati comunque ad un prestigioso bronzo della categoria maschile. Ma i podi azzurri e del Circolo vela Arco in particolare non sono finiti qui: tra i più giovani della categoria under 17 vittoria delle tedesche Schwachhofer-Stoltze, ma secondo e terzo posto delle italiane Diletta Polverini con a prua Eleonora Di Silvio (Tognazzi Marine Village) e delle portacolori del Circolo Vela Arco Agata Scalmazzi con a prua Giulia Vezzoli. Vittoria under 17 maschile dei tedeschi Neszvecsko-Koerner. Nulla è cambiato invece nella classifica femminile assoluta, rimasta uguale a venerdì con doppietta tedesca con Elena Krupp e Clara Borlinghaus e Laila Mobius con Emelie Hesse, rispettivamente prime e seconde; terze le svedesi Henriksson-Pettersson. 
Una conclusione quindi positiva anche dal punto di vista sportivo e agonistico per il Circolo vela Arco, che oltre ad aver chiuso un Campionato Europeo con il numero massimo di prove disputate, ha avuto la soddisfazione di conquistare due medaglie di bronzo grazie agli atleti locali Santini-Misseroni e Scalmazzi-Vezzoli, in un Campionato che si è rivelato agguerritissimo. 
Sicuramente va un plauso a tutti coloro che hanno lavorato affinchè tutto si svolgesse nel migliore dei modi sia a terra, che in acqua: moltissime persone hanno offerto la propria esperienza affinchè gli oltre 400 regatanti, coach e accompagnatori avessero il massimo dal punto di vista logistico, agonistico e naturalmente come ospitalità, sempre importantissima per chi frequenta una località turistica come il Garda Trentino e il Circolo Vela Arco.
 
-------------------
LINK MEDIA
 
photo gallery final series: https://flic.kr/s/aHsmGpKz1c
VIDEO final series day 2: https://youtu.be/ZSN3ioD67CU
NOTE
COMITATO DI REGATA 1
Presidente di Comitato: Carmelo Paroli
Dario Fiore Zanini
Paola Angeli
Roberto Girardi
Claudio Mara
COMITATO DI REGATA 2
Presidente di Comitato: Antonio Micillo
Paolo Ceschini
Alessandra Pompili
Gianni Belgrado
Mauro Conti         
Europei 29er: sempre in testa i norvegesi Berthet-Franks Penty

Europei 29er: sempre in testa i norvegesi Berthet-Franks Penty

Recuperano un’altra posizione i locali Santini-Misseroni, ora quinti
 Prima giornata delle “final series” molto agguerrita; venerdì si regata la mattina presto per il probabile arrivo di temporali nel pomeriggio.
 
 
Il Garda Trentino ha regalato un’altra, inaspettata, spendida giornata di vento e sole ai Campionati Europei 29er in svolgimento al Circolo Vela Arco, organizzati su delega della FIV Federazione Italiana Vela. In questa quarta giornata di gare sono iniziate le "finals series” con i 210 equipaggi suddivisi in quattro batterie in base alla classifica generale raggiunta dopo le 9 prove di qualifica svolte da lunedi a mercoledì. Ogni equipaggio si è presentato alle fasi finali “portandosi” la propria posizione e quindi il corrispondente punteggio raggiunto a conclusione delle 9 regate di qualifica. A questo vengono aggiunti ora i punti delle successive regate valide come “final series”. La gold fleet, con i milgliori 50 regatanti al via, è stata davvero agguerrita nelle quattro regate disputate giovedì, offrendo passaggi in boa al millimetro e piazzamenti parziali dei primi della classifica provvisoria più arretrati rispetto i primi giorni. 
Nonostante una giornata non eccelsa i norvegesi Berthet-Franks Penty, rimangono leader della classifica provvisoria, dato che al primo accumulato dopo le qualifiche, hanno aggiunto oggi un 7-3-17-4. Passano secondi gli svedesi Westerlind-Aronsson, che arrivati in finale con un quinto hanno piazzato dopo un mediocre ventesimo, un 4-6-2. Ma i mattatori della giornata sono stati i britannici, primo equipaggio misto,Freya Black-James,  Grummet, partiti con un trentesimo ereditato dalle qualifiche e piazzando nelle prime quattro regate di finale  un 3-2-1-22. Recuperano un’altra posizione gli azzurri e portacolori del Circolo Vela Arco Zeno Biagio Santini con a prua Marco Misseroni, sempre un po’ alterni nei parziali (19-5-7-23). In realtà in questa giornata in cui il livello della batteria gold era decisamente alto e più equilibrato rispetto ai giorni scorsi, molti equipaggi sono stati abbastanza incostanti affiancando a posizioni entro i primi 10, risultati ben peggiori. Perdono la leadership della categoria under 17 i baresi Corrado-Catalano, sorpassati da britannici e tedeschi, in una giornata non facile da gestire per vento sui 12-14 nodi e onda corta, che rendono gli scafi terrazzati 29er non semplici da controllare. Cambio al vertice anche nella categoria femminile anche se i primi tre equipaggi rimangono molto ravvicinati: in testa ora le svedesi Henriksson-Pettersson, seguite dalle tedesche Krupp-Borlinghaus e Mobius-Hesse. Venerdì si regaterà la mattina presto e quindi con probabile vento da nord, per le previsioni meteo che questa volta sembra diano possibilità di temporali nel pomeriggio.

WEBCAM

In diretta le webcam che guardano il Circolo Vela Arco e il Lago di Garda